TimGate
header.weather.state

Oggi 03 luglio 2022 - Aggiornato alle 13:34

 /    /    /  Ha confessato il soldato russo accusato di crimini di guerra
Ha confessato il soldato russo accusato di crimini di guerra

- Credit: Yaghobzadeh Alfred/ABACA / Ipa-Agency.Net / Fotogramma

UCRAINA19 maggio 2022

Ha confessato il soldato russo accusato di crimini di guerra

di Gianluca Cedolin

Ha ucciso un civile ucraino di 62 anni che andava in bicicletta

Il 21enne Vadim Shishimarin, il primo soldato russo a essere processato in Ucraina per crimini di guerra, ha confessato ieri in un’aula di tribunale di Kiev, dichiarandosi colpevole di tutto quanto gli viene imputato. Come scrive La Repubblica, cinque giorni dopo l’inizio della guerra Shishimarin e altri quattro soldati russi avevano rubato la macchina di un civile ucraino per scappare da un campo di battaglia nella regione di Sumy. Durante la fuga avevano incontrato un uomo di 62 anni in bicicletta che parlava al telefono e il giovane soldato aveva risposto all’ordine di ucciderlo, in quanto gli occupanti dell’auto pensavano stesse rivelando ai soldati ucraini la loro posizione.

 

Per questo Shishimarin gli aveva sparato in testa alcuni colpi di kalashnikov e il 62enne Oleksander Shilipov era morto a pochi metri da casa sua. Per il momento la procura generale ucraina ha individuato una quarantina di soldati russi che potrebbero essere portati in tribunale per rispondere di crimini di guerra, senza tuttavia catturarli tutti.

 

La Repubblica definisce Shishimarin “un caso perfetto per la prima udienza del primo processo”, per via del suo “viso da bambino che viene da chiedersi cosa ci facesse in mezzo a una guerra, pronto ad ammettere subito la sua colpa, rappresentazione plastica di un esercito – quello russo – gettato dal presidente Vladimir Putin in un conflitto per il quale non era pronto”. L’Ucraina punta a portare a processo i colpevoli e a facilitare il lavoro del Tribunale internazionale dell’Aia.