TimGate
header.weather.state

Oggi 02 luglio 2022 - Aggiornato alle 09:36

 /    /    /  Usa, le peggiori sparatorie degli ultimi anni
Usa, le peggiori sparatorie degli ultimi anni

Joe Biden, presidente Usa- Credit: Pool/ABACA / IPA / Fotogramma

STRAGI CON ARMI DA FUOCO26 maggio 2022

Usa, le peggiori sparatorie degli ultimi anni

di Michela Cannovale

Dagli anni Duemila a quella avvenuta il 24 maggio 2022 a Uvalde, Texas

La sparatoria del 24 maggio a Uvalde in Texas, in cui il 18enne Salvador Ramos ha ucciso 19 studenti e due adulti, è solo una delle tante stragi compiute negli Stati Uniti in questi anni. Una delle tante che torna ad interrogare gli americani sulla diffusione incontrollata delle armi da fuoco.

 

La serie di episodi di questo tipo in America è purtroppo molto lunga e nessuno è meno grave di tutti gli altri. È solo per questioni di spazio, e non di importanza, quindi, che abbiamo deciso di ricordare di seguito le sparatorie avvenute negli Stati Uniti negli anni Duemila:

 

- 3 aprile 2009: un uomo 42enne di origini vietnamite e naturalizzato americano apre il fuoco in un centro di accoglienza per gli immigrati a Binghamton, a 200 chilometri da New York, uccidendo 13 persone: sono i suoi ex compagni di classe e l'insegnante di inglese.

 

- 5 novembre 2009: uno psichiatra e soldato americano di 39 anni con origini palestinesi è l'autore di una sparatoria a Fort Hood, in Texas, in cui muoiono 13 persone e 42 rimangono ferite.

 

- 20 luglio 2012: alla prima mondiale del film di Batman, "The Dark Knight Rises", un uomo di 24 anni con una maschera apre il fuoco in un cinema di Denver, Colorado, e uccide 12 persone. 70 i feriti.

 

- 14 dicembre 2012: un ragazzo di 20 anni entra nella scuola elementare di Sandy Hook a Newtown, in Connecticut, e uccide 27 persone, fra i cui 20 bambini.

 

- 2 dicembre 2015: un uomo e una donna sposati e simpatizzanti dell'Isis aprono il fuoco a San Bernardino, uccidendo 14 persone e ferendone gravemente 22. I due vengono poi uccisi dalla polizia.

 

- 12 giugno 2016: a Orlando, un 29enne spara all'interno del Pulse, un locale gay di Orlando. Il bilancio dei morti è di 49, mentre i feriti sono 50.

 

- 2 ottobre 2017: un 64enne apre il fuoco durante il Route 91 Harvest Music Festival a Las Vegas. Il bilancio è di 50 morti e 400 feriti.

 

- 14 febbraio 2018: un 19enne con un passato da suprematista bianco fa irruzione nella sua ex scuola, a Parkland, e uccide 17 tra studenti e docenti, ferendo altre decine di persone. Si tratta di una delle peggiori stragi scolastiche negli Usa che si ricordino.

 

- 3 agosto 2019: un ragazzo di 21 anni entra in supermercato della catena Walmart, a El Paso, e spara a 23 persone, uccidendole. La strage viene indagata come crimine d'odio contro le persone di origine latina.

 

- 4 agosto 2019: un 24enne sotto l'effetto di cocaina, alcol e antidepressivi apre il fuoco in un bar a Dayton, in Ohio, uccidendo 9 persone e ferendone altre 17. Viene a sua volta ucciso dalla polizia.

 

- 26 febbraio 2020: a Milwaukee un dipendente licenziato entra nel campus di Molson Coors, il colosso della birra, e uccide 6 persone prima di togliersi la vita.

 

- 16 marzo 2021: ad Atalanta, un ragazzo di 21 anni fa irruzione in tre diverse sale massaggio e uccide 8 persone, fra cui 6 donne di origine asiatica, sostenendo poi di aver agito per rimuovere le tentazioni sessuali che lo ossessionavano.

 

- 14 maggio 2022: un suprematista bianco di 18 anni entra in un supermercato di Buffalo e uccide 10 persone.

 

- 25 maggio 2022: a soli 11 giorni dalla strage nel supermercato di Buffalo, un 18enne uccide 19 bambini alla Robb Elementary School di Uvalde, in Texas.