Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti, per migliorare l’esperienza di navigazione e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie Clicca Qui. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

menu
Oggi 30 maggio 2020 - Aggiornato alle 14:05
Live
  • 15:25 | Gravina: 'Il calcio italiano ne esce rafforzato'
  • 15:24 | Il nuovo singolo di Tones and I è su TIMMUSIC
  • 15:21 | Roger Federer è l’atleta più pagato al mondo
  • 15:19 | La Lega chiede al governo di anticipare la Coppa: 12 e 13 giugno
  • 14:38 | La reunion dei Take That nella speciale playlist di TIMMUSIC
  • 13:26 | Calcagno (Aic): 'Giocare solo nei preserali e la sera'
  • 12:28 | Trump ha annunciato la rottura dei rapporti con l'Oms
  • 12:18 | Chi sono i 4 finalisti di "Amici Speciali - con TIM insieme per l'Italia"
  • 12:18 | Involtini di vitello con prosciutto e mozzarella
  • 12:15 | Torta gelato meringata
  • 11:55 | La riapertura dei confini regionali
  • 11:08 | In tutti gli Usa continuano le proteste per l'uccisione di George Floyd
  • 10:59 | Formula 1, la Williams è in vendita
  • 10:39 | Serie A fino ad agosto: che succede con i contratti in scadenza?
  • 09:56 | Icardi al Psg, c’è l’accordo con l’Inter
  • 09:41 | Come pianificare la pubblicazione di un tweet
  • 09:00 | Domenica In, Mara Venier nella bufera per il cachet di Pamela Prati
  • 09:00 | La campagna digitale #MirrorTheWorld di Westwood
  • 09:00 | Batteria del cellulare: tutti i problemi che puoi riscontrare
  • 09:00 | Cosa si intente per sostenibilità ambientale
Perché il vaccino contro il Covid-19 deve essere un bene di tutti - Credit: nci/Unsplash
UMANITÀ 19 maggio 2020

Perché il vaccino contro il Covid-19 deve essere un bene di tutti

di Luigi Gavazzi

L'appello di leader ed esperti: distribuzione gratuita in ogni paese

A metà maggio, il presidente della Repubblica francese Emmanuel Macron ha risposto duramente alle dichiarazioni del responsabile del gruppo farmaceutico Sanofi (francese) che aveva sostenuto che gli Stati Uniti sarebbero stati i primi beneficiari della distribuzione  del vaccino contro il Covid-19 "perché hanno investito più degli altri paesi per finanziare l'azienda". 

Macron: un bene comune, sottratto alle leggi del mercato

Macron ha ribattuto dicendo che "Il vaccino contro il coronavirus  è un bene comune, deve essere sottratto alle leggi del mercato".

Un'affermazione forte che segna probabilmente un punto decisivo nel dibattito sulla regolamentazione delle diffusione del trattamento che potrebbe fermare la pandemia.

 

 

LEGGI ANCHE: Coronavirus: Bill Gates pagherà il vaccino di Oxford “se funziona”

L'appello per un People' vaccine

Negli stessi giorni infatti, 140 leader politici e esperti di tutto il mondo hanno firmato un appello  – The People's Vaccine – a tutti i paesi per rendere i vaccini disponibili a tutte le persone del pianeta gratuitamente e senza discriminazioni. 

 

 

Se questi beni "sono indispensabili per il nostri futuro, – ha osservato su Repubblica Luigi Manconi –  ha senso sottoporli alla proprietà dei singoli, gruppi o nazioni, e alle regole di mercato, inevitabilmente arbitrarie?" 

 

 

L'appello di  The People's Vaccine è invece una proposta per rendere i vaccini, e in generale le risorse create dalle bioscienze e dalle biotecnologie, indispensabili per il futuro di tutti, appunto "patrimoni dell'umanità", amministrati da quest'ultima attraverso gli organismi internazionali.

 

 

IL TESTO DELL'APPELLO: Uniting behind a people’s vaccine against COVID-19

 

 

Va sottolineato che non si tratta di un messaggio velleitario che ignora i meccanismi e i costi di produzione e distribuzione e di ricerca. L'appello infatti, in modo assai pragmatico, chiede che:

1) si giunga alla condivisione obbligatoria delle conoscenze, dei dati e delle tecnologie relative Covid-19;

2) si metta a punto un piano di produzione e distribuzione rapido, globale e equo, finanziato interamente dai paesi ricchi;

3) sia garantita la fornitura gratuita di vaccini, diagnostica, test e trattamenti Covid-19 a tutti, in tutto il mondo; assicurando un accesso prioritario ai paesi più poveri.

 

 

LEGGI ANCHE:

Il diario della pandemia

Uno Stato sociale più forte per uscire dalla crisi

 

Per il bene di tutti

Non è solo una questione di giustizia; è anche una faccenda maledettamente sensata dal punto di vista della sopravvivenza di tutti: la privatizzazione di una risorsa universale non è la rovina di molti e la salvezza di pochi. È la distruzione per tutti.

Leggi tutto su News