TimGate
header.weather.state

Oggi 02 ottobre 2022 - Aggiornato alle 18:00

 /    /    /  Vaiolo delle scimmie, San Francisco è in stato di emergenza
Vaiolo delle scimmie, San Francisco è in stato di emergenza

- Credit: ANP / Ipa / Fotogramma

STATI UNITI29 luglio 2022

Vaiolo delle scimmie, San Francisco è in stato di emergenza

di Silvia Marchetti

I medici: ''Virus nelle acque reflue, serve vaccinazione di massa''

In questo momento San Francisco, in California, è la città americana con più casi di vaiolo delle scimmie. Sono state diagnosticate 261 infezioni, numero che ha costretto il sindaco a dichiarare lo stato di emergenza sanitaria. Intanto alcuni medici statunitensi avvertono: il virus si sarebbe diffuso anche nelle acque reflue. 

 

Lo stato di emergenza ''entrerà in vigore a partire dal 1° agosto e ci consentirà di preparare e dedicare risorse per prevenire la diffusione del virus'', ha spiegato sui social il primo cittadino di San Francisco, London Breed.

 

Come riporta il Guardian, la dichiarazione consentirà alle autorità locali di avere più mezzi e personale per affrontare l'epidemia e accelerare la pianificazione dell'emergenza. Negli Stati Uniti si contano circa 4.600 casi di vaiolo delle scimmie, di cui il 30% si trova proprio a San Francisco.

 

Ma c'è un altro fattore che comincia a preoccupare gli esperti: come spiega il quotidiano Il Mattino, sempre a San Francisco sarebbero state trovate tracce del virus del vaiolo delle scimmie nelle acque reflue. 

 

Si tratta di una pessima notizia perché le autorità sanitarie americane speravano di eradicare il virus tramite la vaccinazione ''ad anello'' (cioè la somministrazione del vaccino contro il vaiolo ''umano'', efficace anche contro il vaiolo delle scimmie, solo ai contatti stretti dei positivi già accertati).

 

Come spiega su Twitter Denise Dewald, medico e pediatra dell'ospedale di Cleveland, nell'Ohio, ''se il virus viene trovato nelle acque reflue, l'eradicazione non è più possibile. Le fogne brulicano di ratti e il virus diventerà inevitabilmente endemico''.

 

''Abbiamo una sola scelta - avverte Dewald - La vaccinazione di massa contro il vaiolo. Non possiamo più vaccinare ad anello contro una malattia che puoi contrarre, ad esempio, dalle feci di topo nella tua cucina''. 

 

E in Europa? Qual è la situazione? Al momento sono 12.761 i casi di vaiolo delle scimmie segnalati al sistema Tessy in 32 paesi della Ue. 426 quelli registrati in Italia. La maggior parte dei contagiati ha un'età compresa tra 31 e 40 anni (41%) e riguarda i maschi (99,4%).