TimGate
header.weather.state

Oggi 19 maggio 2022 - Aggiornato alle 11:06

 /    /    /  Variante Omicron, perché l'Oms non vuole chiudere le frontiere
Variante Omicron, perché l'Oms non vuole chiudere le frontiere

- Credit: CHINE NOUVELLE/SIPA / IPA / Fotogramma

COVID-1929 novembre 2021

Variante Omicron, perché l'Oms non vuole chiudere le frontiere

di Tina Carlyle

"I limiti ai viaggi possono avere solo un ruolo per un minimo contenimento delle diffusione del virus"

Della variante Omicron si sa ancora poco, ma i governi di tutto il mondo hanno già cominciato a prendere le contro misure per evitare la diffusione dei contagi del ceppo individuato per la prima volta in Sudafrica. Diversi Paesi europei (oltre all'Italia, anche Austria, Germania, Francia, Paesi Bassi e Repubblica Ceca), Stati Uniti, Canada, Gran Bretagna e Israele hanno imposto restrizioni di viaggio al Sudafrica e ai Paesi limitrofi, Botswana, Lesotho, Namibia, Malawi, Zimbabwe, Zambia ed Eswatini.

 

Ma la chiusura delle frontiere ai Paesi africani non è la scelta corretta secondo l’Organizzazione mondiale della sanità (Oms), che ha pubblicato una nota in cui chiede alle autorità nazionali di attenersi alle indicazioni scientifiche, senza imporre bandi sui viaggi. Il rischio della chiusura, infatti, è che si blocchino anche i canali umanitari verso questi Paesi: "Con la variante Omicron ormai emersa in diverse regioni del mondo, ricorrere a bandi sui viaggi che prendono di mira l’Africa finisce per intaccare la solidarietà globale. I limiti ai viaggi possono avere un ruolo per un minimo contenimento delle diffusione del Covid-19, ma pongono un grande peso su vite e mezzi di sussistenza".

 

"Se si opta per introdurre restrizioni - si legge ancora nella nota - queste non devono essere superflue, invasive o intrusive e devono avere basi scientifiche".