TimGate
header.weather.state

Oggi 17 maggio 2022 - Aggiornato alle 17:14

 /    /    /  Il vetro per prevenire lo scioglimento dei ghiacci dell'Artico
Il vetro per prevenire lo scioglimento dei ghiacci dell'Artico

Artico, ghiacciai- Credit: Pixabay

AMBIENTE29 settembre 2020

Il vetro per prevenire lo scioglimento dei ghiacci dell'Artico

di Michela Cannovale

La proposta singolare ;degli scienziati dell'Arctic Ice Project

Per proteggere il ghiaccio dell'Artico dai raggi del sole si potrebbe provare a spargere sulle sue superfici un sottilissimo strato di vetro riflettente, in modo da prevenirne lo scioglimento e aiutarlo a ricrescere. L'idea, raccontata dalla Bbc, è stata avanzata dall’organizzazione statunitense Arctic Ice Project.

 

A causa del cambiamento climatico, si legge sul quotidiano britannico, nel 2020 è stato raggiunto il secondo minimo grado di estensione da quando si effettuano le rilevazioni sui ghiacciai. E, previsioni dei climatologi alla mano, entro un paio di decenni il ghiaccio marino artico potrebbe scomparire del tutto durante il periodo estivo.

 

Da qui la proposta degli scienziati dell’Arctic Ice Project, che hanno già effettuato alcuni esperimenti spargendo minuscole sfere di silicio in alcuni piccoli laghi degli Stati Uniti e del Canada, ottenendo risultati incoraggianti. Per esempio, in un lago nel Minnesota, pochi strati di polvere di vetro sono stati in grado di rendere il ghiaccio giovane il 20% più riflettente, ritardandone lo scioglimento e preservandolo nella stagione privarile (mentre nelle altre aree il ghiaccio si era già sciolto in primavera).

 

Le zone dell’Artico che verrebbero testate per prime perché più vulnerabili sono quelle presenti nello stretto di Fram, tra la Groenlandia e le Svalbard.

Perché non tutti sono d'accordo

Molti biologi tuttavia sconsigliano l’utilizzo della polvere di vetro per combattere gli effetti del cambiamento climatico in quanto le sfere di silicio (che hanno un diametro minore di quello di un capello) potrebbero alterare l’equilibrio della catena alimentare artica e, comunque, il loro impiego non sostituisce il risultato che l’umanità otterrebbe dalla riduzione delle emissioni di carbonio.

 

- LEGGI ANCHE: Clima: il ghiacciaio del Monte Bianco si sta sciogliendo

Field: "È un piano di riserva prima della decarbonizzazione"

Ma per Leslie Field, uno degli scienziati a capo del progetto, sentito dalla Bbc, il vetro rimane “un’opportunità per guadagnare il tempo necessario alle economie mondiali per decarbonizzare ed evitare i peggiori impatti del cambiamento climatico”. “Le sfere di silicio”, ha ribadito, “sono il piano di riserva di cui speravo non avremmo mai avuto bisogno”.