TimGate
header.weather.state

Oggi 02 ottobre 2022 - Aggiornato alle 18:00

 /    /    /  Covid, perché Wuhan è di nuovo in lockdown
Covid, perché Wuhan è di nuovo in lockdown

Lockdown nel distretto di Jiangxia- Credit: Shengpengpeng Cai - Unsplash

CINA29 luglio 2022

Covid, perché Wuhan è di nuovo in lockdown

di Silvia Marchetti

Un milione di persone sono bloccate nelle loro case

Il Covid-19 spaventa ancora la Cina. A Wuhan circa un milione di persone sono state poste in lockdown. Una misura così restrittiva non veniva applicata nella metropoli dal 2020. Ecco cosa sta succedendo. 

 

In un sobborgo di Wuhan, la città centrale della Cina da dove è partito per la prima volta il virus alla fine del 2019 (come ha scoperto un recente studio internazionale), sono stati individuati almeno quattro casi positivi. Numero sufficiente a far scattare il lockdown e a ''imprigionare'' nelle proprie abitazioni un milione di persone.

 

Come spiega la Bbc, i contagi rilevati sono tutti asintomatici, ma questo fattore non ha ammorbidito le regole imposte dalle autorità cinesi. I residenti del distretto di Jiangxia dovranno rimanere nelle loro case per tre giorni.

 

Come spiega l'agenzia Bloomberg, la Cina continua con decisione ad attuare la sua politica ''zero Covid''. Shanghai è da poco uscita da un lockdown stretto durato due mesi, e ora tocca (di nuovo) a Wuhan, dove vengono effettuati test su larga scala e controlli severissimi.

 

I residenti del distretto posto in lockdown non potranno lasciare Jiangxia, a meno che non sia assolutamente necessario, e le attività che richiedono aggregazione anche di poche persone sono vietate. Sospese, inoltre, tutte le visite a parchi, mercati, fiere, luoghi di culto e altri luoghi di incontro. Bar, cinema e teatri rimarranno chiusi e i ristoranti potranno effettuare solo il servizio di delivery. Stop anche ai trasporti, dagli autobus alle metropolitane.