TimGate
header.weather.state

Oggi 18 maggio 2022 - Aggiornato alle 21:00

 /    /    /  Insulti sui social, la Procura archivia la querela di Fedez e Ferragni
Insulti sui social, la Procura archivia la querela di Fedez e Ferragni

Fedez e Ferragni, chiesta l'archiviazione della querela- Credit: Private/Insight Media / IPA / Fotogramma

GOSSIP24 ottobre 2019

Insulti sui social, la Procura archivia la querela di Fedez e Ferragni

di Maria Verderio

Insultare sui social è reato? Per la Procura di Roma, nel caso Ferragnez, pare di no

È stata l’archiviazione della querela presentata da Fedez e da Chiara Ferragni contro le offese ricevute sui social da Daniela Martani. La questione è di grande interesse e quanto mai attuale. Il pm ha chiesto di archiviare la querela presentata da Fedez e Chiara Ferragni contro Daniela Martani, ex concorrente del Grande Fratello che aveva definito la coppia su Twitter “palloni gonfiati”.

Lieve livello di offesa

Secondo la Procura di Roma, gli insulti sui social avrebbero un livello molto basso di offesa e proprio per questo motivo chi pubblica un post (poco) offensivo non sarebbe perseguibile né civilmente né penalmente. Ma è davvero così?

Una querela contro la Martani

Fedez e Ferragni avevo sporto una querela contro Daniela Martani che aveva pubblicato su Twitter un post in cui offendeva pubblicamente i Ferragnez, definendoli “idioti palloni gonfiati”. Ma la Procura di Roma ha chiesto al Gip di archiviare la querela, sulla base del fatto che le offese e gli insulti sui social network non possono essere considerati credibili. Quindi - sempre secondo il pm incaricato - quegli insulti sarebbero privi di credibilità e capacità offensiva.

Pareri contrastanti

I difensori della coppia, naturalmente, sostengono che il gran numero di utenti che circolano in rete e che hanno dei profili sui social network renderebbe la condotta della Martani ancor più grave. Non resta che aspettare la decisione del Gip Caterina Sgrò, che dovrà motivare il rifiuto o l’accoglimento della richiesta di archiviazione della querela.