Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti, per migliorare l’esperienza di navigazione e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca qui. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

  • News
    • Tutto
    • Italia
    • Esteri
    • Gossip e Celebrità
    • Tecnologia
  • Intrattenimento
    • Tutto
    • Cinema
    • Musica
    • TV
    • Videogames
  • Donna
    • Tutto
    • Moda
    • Mamme e Bambini
    • Salute
  • Sport
    • Tutto
    • Calcio
    • Classifica Serie A TIM
    • Classifica Marcatori Serie A TIM
    • Risultati Serie A TIM
    • Altri Sport
  • Lifestyle
    • Tutto
    • Oroscopo
    • Costume e Società
    • Arredamento
    • Ricette
    • Green
  • Tempo Libero
    • Tutto
    • Viaggi
    • Libri
    • Hobby
    • Come fare
    • Motori
  • Video
    • Tutto
    • Per Conoscere
    • Divertenti
    • Sport
    • Top Video
    • Ricette
    • Risorgimento Digitale
  • Servizi
    • Tutto
    • Oroscopo
    • Meteo
    • Mobile Ticketing
  • Personalizza il tuo TIMgate>> Personalizza il tuo TIMgate >>
menu
Oggi 16 giugno 2021 - Aggiornato alle 16:00
Live
  • 18:09 | Calcio e innovazione: il futuro (prossimo) è in streaming
  • 23:00 | TIM FLEXY: Internet veloce per le seconde case, solo quando serve
  • 22:00 | TIM e Lega Serie A hanno rinnovato l’accordo di sponsorizzazione fino al 2024
  • 17:12 | L'accordo fra TIM e DAZN porta su TIMVISION le partite di Serie A
  • 16:30 | Cucina lineare: cos'è e come progettarla
  • 15:30 | “Parallel Worlds” è il primo disco di Fabrice Pascal Quagliotti, l’intervista
  • 14:19 | 3 curiosità che non sapevi su Courtney Cox
  • 14:15 | Luca Marinelli e Alessandro Borghi tornano a recitare insieme
  • 14:14 | Emma Stone, tutti i film dell'attrice
  • 14:08 | Corbezzolo: proprietà e utilizzo del frutto
  • 14:03 | L'incontro tra Putin e Biden a Ginevra
  • 14:00 | La storia di Zaky, studente a Bologna, incarcerato in Egitto
  • 13:59 | Nomi maschili: eccone alcuni tra i più bizzarri
  • 13:51 | Festa a tema Hollywood: cosa non deve mancare
  • 13:32 | Le donne che hanno vinto il Nobel
  • 12:58 | Marco Mengoni, nuovo singolo e due concerti negli stadi
  • 12:40 | I Negrita tornano con "La Teatrale Summer Tour": tutte le date live
  • 12:19 | Piano City Milano, il programma e gli artisti della decima edizione
  • 11:42 | The Beach Boys, in arrivo un cofanetto con 5 cd e 108 inediti
  • 11:30 | Brandy: cos'è e come prepararlo
7 cose da fare e da vedere a Fermo - Credit: Wikimedia
L’ITALIA DELLA FIBRA 10 maggio 2021

7 cose da fare e da vedere a Fermo

di Maria Verderio

In viaggio nei nuovi comuni con internet a banda ultralarga

 

Siamo giunti alla nuova tappa del viaggio di TIMgate alla scoperta dei comuni italiani raggiunti della banda ultralarga di TIM, con connessioni in fibra che possono persino arrivare alla velocità di 1 Gigabit al secondo. 

Luoghi per una vacanza, o addirittura per trasferirsi lavorando da lì in smart working, visto che internet ce lo permette. 

 

Dopo Locorotondo, Venaria e Spoleto, il viaggio di TIMgate prosegue nelle città e nei borghi italiani raggiunti dalla fibra ottica.

Tutte le nostre mete hanno infatti in comune una novità: TIM vi ha portato la banda ultralarga, e quindi chi intende visitare questi luoghi per una vacanza, o (perché no?) andare a viverci, ora ha una ragione in più per sceglierli. 

 

Ma ora partiamo: oggi andiamo alla scoperta di Fermo, un comune sito delle Marche, a circa sei chilometri dal mare e al contempo circondato da paesaggi magnifici della natura e della storia.

La stessa Fermo è una città d’arte. Ma da dove cominciare la nostra visita? Ecco le 7 cose che secondo noi dovreste fare a Fermo:


1) Passeggiare in lungo e in largo per “la Piazza”

“La Piazza” (piazza del Popolo, chiamata in passato piazza Vittorio Emanuele e piazza San Martino) è un vero e proprio gioiello rinascimentale. IL salotto principale della città di Fermo. Configurata per accogliere l’arrivo in città di Bianca Maria Visconti nel 1442, fu ridisegnata nel 1463 e assunse la forma attuale. Attorno a essa, architettura storiche e splendidi palazzi come il fotografatissimo Palazzo dei Priori, il Palazzo Apostolico, il Loggiato e la Chiesa di San Rocco.

 

2) Fare acquisti al Mercato dell’Antiquariato

Noto anche col nome di Mercatino del Giovedì, la Mostra Mercato dell’Antiquariato si svolge, appunto, tutti i giovedì dei mesi di luglio e agosto a partire dal 1983. Nato in sordina, il Mercato è diventato uno degli appuntamenti più amati e importanti della regione. Sui banchi, mobili antichi, porcellane, giocattoli da collezionisti, argenteria d’altri tempi e tante altre cose belle. Dove? Il Mercato si svolge in Piazza del Popolo, lungo viale Vittorio Veneto, corso Cefalonia e piazzale Azzolino. 

 

3) Ammirare le opere di Giuseppe Pende

Un grande artista, da scoprire, se non lo conoscete bene. Anche la sua storia è speciale. Pittore dai molti talenti, Giuseppe Pende (Casamassima 1914 – Fermo 2001) dipinge sin da bambino. Dopo gli studi si trasferisce a Roma e frequenta l’Accademia di Belle Arti. Con la Seconda guerra mondiale viene richiamato alle armi e, con già due figli, Renato ed Angela, suo malgrado viene spedito in Albania, dove però guadagna un encomio per il suo lavoro di cartografo. Nel 1942 viene assegnato al campo profughi di Fermo, città dove rimarrà tutta la vita. La bellezza della natura delle Marche lo porta a riprendere la pittura e a diventare “il pittore di Fermo”. La mostra permanente è visitabile tutto l’anno ed è allestita nei fondaci di Palazzo Mancini.

 

4) Scendere nelle antichissime Cisterne Romane

Le Cisterne Romane sono un sito archeologico affascinante: sono qui da più due millenni, la datazione convenzionale le colloca attorno al 40 dopo Cristo. Si trovano sotto la via Paccarone, ma l'ingresso alla struttura è in via degli Aceti (attenzione, dall’esterno, la struttura delle Cisterne non è visibile). La parte sotterranea occupa circa 2200 metri quadri ed è composta da 30 camere disposte su tre file parallele, in cui si raccoglieva l'acqua piovana per la distribuzione cittadina. Un'importantissima testimonianza del tempo, un luogo magico.

 

5) Imparare tante cose nuove ai Musei Scientifici di Villa Vitali

Ospitati all'interno di Villa Vitali, costruita nella prima metà del XIX secolo, i Musei Scientifici spaziano tra le più svariate tematiche.
C’è il Museo Polare "Silvio Zavatti", unico in Italia a conservare reperti di popoli artici; il Museo Ornitologico "Tommaso Salvadori", curiosa collezione privata di uccelli imbalsamati; la "Sala della meteorite", dove è conservato il meteorite “Fermo”, precipitato in città nel settembre 1996. 
E poi il Museo della pipa "Nicola Rizzi", una collezione insolita e unica a livello nazionale, espressione di grande maestria artigianale.

 

6) Riscoprire il mestiere del vasaio

A pochi chilometri da Fermo è collocato il territorio di Montottone, il paese dei vasai, conosciuto anche quale “il paese dei coccià”, come dicono da queste parti. L’antico mestiere artigiano oggi viene raccontato nelle botteghe, ove è possibile assistere alla modellazione e alla successiva cottura della creta. Il territorio è molto ricco di acqua e il mestiere del vasaio era uno dei più diffusi.
Già che ci siete, nelle vicinanze di Montottone, fate una tappa presso i caratteristici vulcanelli fra i calanchi.

 

7) Calcare il palcoscenico dell'anfiteatro di Falerone

Durante una visita a Fermo è imprescindibile un passaggio all’anfiteatro di Falerone, un’altra testimonianza romana. Il teatro è il monumento antico meglio conservato delle Marche. Si trova nel Parco Archeologico di Falerone, all’estremità orientale del borgo, il cui centro storico merita comunque anch’esso una sosta e un aperitivo.

 

Internet a Fermo

TIM ha avviato a Fermo un innovativo piano di cablaggio che porta la fibra ottica fino alle abitazioni per rendere disponibili collegamenti ultraveloci fino a 1 Gigabit al secondo.
 

I lavori per la realizzazione della nuova rete sono già iniziati in molte zone della città con l’obiettivo di collegare circa 12mila unità immobiliari.

Particolare attenzione verrà dedicata alla digitalizzazione del distretto industriale del calzaturiero di Fermo: diventerà uno dei primi “Smart District” d’Italia, in cui tutte le aziende avranno a disposizione un’infrastruttura di rete e servizi di ultima generazione che ne accompagneranno il processo di trasformazione digitale.

 

>>> Per la tua seconda casa scopri TIM Flexy e scegli di avere Internet veloce dove e quando vuoi. Per saperne di più vai su tim.it

 

 

 

I più visti

Leggi tutto su News