Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti, per migliorare l’esperienza di navigazione e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie Clicca Qui. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

menu
Oggi 27 maggio 2020 - Aggiornato alle 00:10
Live
  • 21:45 | Lega, si parte il 13 giugno, chiusura il 26 luglio poi la Coppa
  • 20:34 | Bundesliga, il Bayern passa a Dortmund ed ipoteca il titolo
  • 20:01 | Parmitano: "Non sapevo del virus da novembre"
  • 19:42 | Alessia Marcuzzi e il marito si sarebbero lasciati
  • 19:11 | "One World, One Prayer", il nuovo singolo dei Wailers è su TIMMUSIC
  • 18:53 | Andrea Bocelli ha avuto il coronavirus e ha donato il plasma iperimmune
  • 18:25 | Laura Pausini, il 29 maggio live speciale per beneficenza
  • 18:23 | Il nuovo epicentro del virus è l'America Latina
  • 18:20 | Usa, il ritorno in pubblico di Joe Biden
  • 18:03 | Toni Servillo vince il Nastro d'Argento alla carriera 2020
  • 17:59 | Economia: perché puntare su una ripresa green, parola di medico
  • 17:52 | MotoGP20 è ora disponibile anche su TIMGames
  • 17:42 | Nole Djokovic presenta il suo torneo, l’Adria Tour
  • 17:22 | Lippi: 'A porte chiuse unico modo per riprendere campionato'
  • 17:13 | Le 10 app gratuite più scaricate al mondo durante la pandemia
  • 17:11 | Sibilia: 'Ottimisti su ripartenza serie A'
  • 17:03 | Chi era Jimmy Cobb, leggendario batterista jazz morto a 91 anni
  • 17:01 | Al via la produzione di mascherine nelle carceri
  • 16:00 | La storia di Perfection, calciatore morto di infarto a 21 anni
  • 15:54 | Champions League, quarti in gara secca e Final Four a Istanbul
L'arresto del procuratore di Taranto Il procuratore di Taranto, Carlo Maria Capristo - Credit: Saverio De Giglio / Fotogramma
GIUSTIZIA 19 maggio 2020

L'arresto del procuratore di Taranto

di Gianluca Cedolin

L'accusa: ha fatto pressioni per indirizzare delle indagini

Il procuratore di Taranto, Carlo Maria Capristo, è stato messo agli arresti domiciliari assieme all'ispettore di polizia Michele Scivittaro e ai tre imprenditori pugliesi della famiglia Mancazzo.

Sono accusati di aver compiuto “atti idonei in modo non equivoco” a indurre un giovane sostituto alla procura di Trani a perseguire una persona che gli imprenditori (i mandanti) avevano denunciato per usura, scrive La Repubblica.

 

Ma il magistrato, secondo cui non vi erano presupposti né di fatto né di diritto, si oppose alla richiesta e anzi denunciò Capristo, facendo partire l'indagine che ha portato ai domiciliari. Il procuratore di Taranto e l'ispettore, inoltre, sono “gravemente indiziati di truffa ai danni dello Stato e falso”. L'ispettore risultava in ufficio e percepiva gli straordinari, mentre stava in realtà lavorando a casa per conto del procuratore. Anche un altro magistrato, perquisito stamattina, è indagato per abuso d'ufficio e favoreggiamento personale.

Leggi tutto su News