TimGate
header.weather.state

Oggi 17 agosto 2022 - Aggiornato alle 20:07

 /    /    /  Cosa succede alle auto a benzina, diesel e gpl dal 2035
Cosa succede alle auto a benzina, diesel e gpl dal 2035

- Credit: 5tep5/Unsplash

Ambiente09 giugno 2022

Cosa succede alle auto a benzina, diesel e gpl dal 2035

di Matteo Rossi

Quelle nuove non saranno più vendibili. Obiettivo: ridurre le emissioni CO2

Dal 2035 in Italia e negli altri paesi dell'Unione europea non saranno più vendute automobili nuove con motore a diesel e benzina o gpl: da quell'anno si potranno comprare solo auto a zero emissioni, cioè senza motori a combustione. Lo ha deciso il parlamento Ue approvando la proposta della Commissione europea. Hanno votato a favore 339 europarlamentari, contrari 249, astenuti 24.

Ora però serve anche l'ok del Consiglio europeo, cioè la conferenza dei capi dei governi dei 27 Stati membri della Ue.

Dai parlamentari Ue è stato anche approvato l’emendamento per prolungare la deroga sulle emissioni CO2 per i piccoli produttori di auto (meno di 10mila veicoli all'anno - tra questi ci sono diverse aziende italiane della cosiddetta "Motor Valley" in Emilia-Romagna). La deroga è posticipata al 2036 (prima il termine era 2030).  

Come riportano le note  del parlamento Ue e dell'Agenzia Ue dell'Ambiente, il trasporto su strada è responsabile di più di un quarto delle emissioni totali di CO2 in Europa.

Il 60% delle emissioni CO2 causate dai mezzi di trasporto è dovuto alle automobili. 

Negli ultimi tre decenni, quello dei trasporti è stato  l'unico settore a vedere un aumento delle emissioni di gas serra: +33,5% tra 1990 e 2019.

Per limitare le emissioni, l'Unione europea ha fissato l’obiettivo di ridurre entro il 2030 le emissioni dei trasporti del 60% rispetto ai livelli del 1990.

L'altro obiettivo Ue riguarda appunto i veicoli: entro il 2050, le emissioni dovuti ai trasporti dovranno diminuire del 90% rispetto ai livelli del 1990. Ci riusciremo?