Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti, per migliorare l’esperienza di navigazione e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca qui. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

  • News
    • Tutto
    • Italia
    • Esteri
    • Gossip e Celebrità
    • Tecnologia
  • Intrattenimento
    • Tutto
    • Cinema
    • Musica
    • TV
    • Videogames
  • People
    • Tutto
    • Gossip e Celebrità
    • Social e Influencer
  • Donna
    • Tutto
    • Moda
    • Mamme e Bambini
    • Salute
  • Sport
    • Tutto
    • Calcio
    • Classifica Serie A TIM
    • Classifica Marcatori Serie A TIM
    • Risultati Serie A TIM
    • Altri Sport
  • Lifestyle
    • Tutto
    • Costume e Società
    • Arredamento
    • Ricette
    • Green
  • Tempo Libero
    • Tutto
    • Viaggi
    • Hobby
    • Come fare
  • Video
    • Tutto
    • Arredamento
    • Come fare
    • Costume e società
    • Divertenti
    • Green
    • Hobby
    • Moda
    • Ricette
    • Sport
    • Tecnologia
    • Top Video
    • Viaggi
    • Risorgimento Digitale
  • Servizi
    • Tutto
    • Oroscopo
    • Meteo
    • Mobile Ticketing
  • Personalizza il tuo TIMgate>> Personalizza il tuo TIMgate >>
menu
Oggi 03 dicembre 2021 - Aggiornato alle 12:12
News
  • 11:57 | Migranti, cos'ha detto Draghi sul coinvolgimento dell'Eu
  • 11:52 | Il calcio femminile è lo sport che cresce più al mondo
  • 11:48 | In Arabia il primo match point per Verstappen
  • 11:45 | Economia italiana, la forza di traino dell'industria
  • 11:39 | Wrestling, l’italiano Aichner per l’NXT Tag Team Champion
  • 10:12 | Lavoro, la ripresa è precaria
  • 09:45 | Le dimissioni del cancelliere austriaco Schallenberg
  • 09:29 | Tutti i nomi per sostituire Kjaer
  • 09:16 | Merkel lascia aprendo all’obbligo vaccinale
  • 09:16 | SBK 2022, Razgatlioglu continuerà a correre col numero 54
  • 09:01 | Il pazzo pareggio tra Lazio e Udinese (4-4)
  • 07:00 | I vaccini e i lockdown in Europa e le altre notizie sulle prime pagine
  • 02:04 | Lazio-Udinese 4-4: Acerbi illude i capitolini, Arslan pari al 99'
  • 23:52 | Rafa Nadal rassegnato: “Sarà Djokovic il primatista di Slam vinti”
  • 21:03 | Torino-Empoli 2-2: Romagnoli e La Mantia rimontano i granata
  • 17:48 | Economia, la ripresa forte dell'Italia
  • 17:30 | La classifica delle città più vivibili
  • 17:11 | Kjaer, coinvolti i legamenti: necessario l'intervento
  • 17:00 | Covid, i dati del 2 dicembre: tasso di positività al 2,5%
  • 16:48 | Lesione al legamento per Kjaer
Energia pulita: la transizione è troppo lenta - Credit: Pixabay
AMBIENTE E CLIMA 14 ottobre 2021

Energia pulita: la transizione è troppo lenta

di Tina Carlyle

L'allarme dell'Aie: "Nonostante i progressi, gli attuali impegni sul clima fanno troppo poco"

Secondo il World Energy Outlook, il rapporto annuale sull'energia nel mondo preparato dell'Agenzia internazionale dell'energia (Iea), la transizione verso un tipo di energia più pulita sta avvenendo a ritmi biblici, troppo lenti perché si riesca a fare veramente la differenza in termini di cambiamento climatico.

Sulla base degli impegni di decarbonizzazione annunciati dai governi mondiali, "l'aumento delle temperature medie globali è destinato ad arrivare nel 2100 a 2,1 gradi", il che è comunque sopra l'obiettivo minimo dell'Accordo di Parigi sul clima (2 gradi), si legge nel rapporto.

 

Se i governi non facessero di più per investire in energia pulita, potrebbero esservi "turbolenze" nel mercato dell'energia.

 

"Non stiamo investendo abbastanza per soddisfare le future esigenze energetiche - ha affermato il direttore esecutivo dell'Aie, Fatih Birol - e le incertezze stanno preparando il terreno per un periodo estremamente incerto".

 

"Nonostante i progressi - ha proseguito - gli attuali impegni sul clima colmano meno del 20% del divario di emissioni tra le impostazioni politiche odierne e un percorso verso zero emissioni nel 2050". E ha precisato: "Tecnologie e politiche possono colmare questo divario entro il 2030. Oltre il 40% delle azioni è conveniente, come le energie rinnovabili, l'efficienza e i tagli al metano".

 

In un'intervista al Corriere della Sera, Birol ha poi fatto presente: "Credo che dalla Cop26 debbano arrivare almeno tre cose: intanto che nuovi impegni siano presi da altri Paesi perché quel 20% diventi molto più grande. Considerando poi che il 90% della crescita delle emissioni viene dai Paesi emergenti, bisognerà trovare un meccanismo finanziario che permetta di fare in quei Paesi gli investimenti necessari. Infine i leader delle grandi economie come Ue, Usa, Cina e India, devono dire chiaramente agli investitori: se continuate ad investire nei vecchi settori di energia "sporca" rischiate di perdere denaro. Questo è il messaggio politico che mi aspetterei".

 

E ancora: "Stiamo assistendo oggi a una ripresa economica dalla pandemia non del tutto all'insegna della sostenibilità. Nei piani di Recovery non abbiamo inserito sufficienti opzioni di energia pulita. Nell'ottica degli obiettivi di contenimento del climate change, gli investimenti in energia pulita sono solo un terzo di quanto necessario. Mi aspetto che la spinta proveniente dalla Cop26 possa aiutare ad accelerarli"

I più visti

Leggi tutto su News