TimGate
header.weather.state

Oggi 25 maggio 2022 - Aggiornato alle 22:15

 /    /    /  La cerimonia in ricordo di Sassoli, a Strasburgo
La cerimonia in ricordo di Sassoli, a Strasburgo

David Sassoli, ex Presidente del Parlamento Europeo, nel 2020- Credit: Zhang Cheng / IPA / Fotogramma

L'OMAGGIO AL PARLAMENTO UE18 gennaio 2022

La cerimonia in ricordo di Sassoli, a Strasburgo

di Tina Carlyle

Letta: "Ci ha lasciato una grande eredità". ;Michel: "Un leone al servizio della democrazia"

Lunedì 17 gennaio si è tenuta a Strasburgo una cerimonia in ricordo di David Sassoli, ex Presidente del Parlamento europeo ed ex giornalista italiano deceduto lo scorso 11 gennaio in seguito a gravi complicanze dovute ad una disfunzione del sistema immunitario.

 

Presenti all'evento il segretario del Pd Enrico Letta, il premier Mario Draghi, il ministro degli Esteri Luigi Di Maio, ministro per gli Affari europei Enzo Amendola, il presidente del Consiglio Ue Charles Michel e il presidente della Repubblica francese Emmanuel Macron, oltre ai capi di governo di diversi Paesi europei.

 

La cerimonia è stata aperta dal saluto di benvenuto della presidente ad interim del Parlamento, Roberta Metsola, a cui ha fatto seguito la proiezione di un video con alcune immagini della presidenza Sassoli.

 

Dopodiché, Enrico Letta ha tenuto il discorso ufficiale di commemorazione del suo collega di partito: "David ci ha lasciato una grande eredità". Il giorno dei funerali di Stato "con quella bandiera europea, quel sentire tante lingue che si intrecciavano, abbiamo tutti sentito davvero che l'Europa non è solo direttive, istituzioni e acronimi. No. L'Europa sono innanzitutto le sue persone, le sue anime, i suoi cuori. Sì, abbracci, emozioni, sorrisi. Proprio in questi giorni si sono moltiplicate le voci di chi pensa che proprio David sarebbe stato quel Presidente da eleggere. Voci di ogni orientamento politico. Parlando di questo tema con lui un mese fa, io registrai il suo sorriso e una frase che tengo nel mio cuore. La lezione che traggo è che la politica deve sapere guardare oltre: oltre l'apparenza e l'immediatezza. E fare scelte coraggiose", ha detto il segretario del Pd.

 

Charles Michel presidente del Consiglio Ue ha ricordato Sassoli con queste parole: "Sei stato un leone al servizio della democrazia europea. Ispiravi naturalmente rispetto al di là della funzione, rispetto per la tua persona calorosa, semplice, autentica sorridente e decisa". "Sassoli ha avuto le parole giuste per difendere il progetto europeo durante la fase più buia della Brexit", ha detto poi, ricordando anche come "David amasse azioni concrete, come la decisione di aprire le porte del Parlamento europeo durante la pandemia per venire incontro alle persone più in difficoltà".

 

Mentre il presidente francese Emmanuel Macron ha detto: Sassoli era "un uomo la cui visione è larga quanto un continente" e "ha piantato tante pietre dell'edificio dell'Unione europea, preparandone altrettante per il suo futuro".

 

- LEGGI ANCHE: Le reazioni alla morte di David Sassoli