TimGate
header.weather.state

Oggi 06 agosto 2022 - Aggiornato alle 16:00

 /    /    /  Convivere con il virus per non bloccare il Paese
Convivere con il virus per non bloccare il Paese

- Credit: MARCO PASSARO / Fotogramma

COVID-1904 luglio 2022

Convivere con il virus per non bloccare il Paese

di Michela Cannovale

Il pensiero del sottosegretario alla Salute, Andrea Costa

'Ho dempre detto che l'obiettivo è arrivare a convivere con il virus e convivere signfica, a mio avviso, prendere anche in considerazione l'ipotesi che chi è positivo e asintomatico possa evitare isolamento e la quarantena'. 

 

A sottolinearlo, nel corso di un'intervista con RaiNews24, è stato il sottosegretario alla Salute Andrea Costa, secondo il quale quello su isolamento e quarantena 'è un ragionamento che andrà fatto più avanti, ma prima o poi dovremo porci il problema, altrimenti rischiamo di ribloccare il Paese. Oggi abbiamo non solo positivi asintomatici che sono in casa a fare la quarantena ma anche inconsapevolemte sono in giro'.

 

Riflettendo sul concetto di 'convivenza con il virus', Costa ha detto: 'Credo che significhi prendere atto che siamo in una fase endemica'.

 

- LEGGI ANCHE: Endemia: cosa significa e perché se ne parla

 

'Ovviamente - ha continuato - dobbiamo attendere che passi questo momento di innalzamento dei contagi, che fortunatamente non sta producendo una pressione sui nostri ospedali, dove i numeri sono ancora ampiamente sotto controllo. Credo che dobbiamo veicolare correttamente prudenza e senso di responsabilità e non messaggi di allarmismo e di paura'.

 

Il sottosegretario alla Salute ha anche commentato l'andamento della campagna vaccinale con specifico riferimento alla quarta dose: 'Purtroppo dobbiamo registrare che c'è stato un rallentamento e questo non è positivo: dobbiamo utilizzare ogni momento per rinnovare l'appello a tutti coloro per i quali è prevista la quarta dose, come anziani e ultra-fragili', a maggior ragione 'di fronte alla recrudescenza del virus'. 'Fatto questo - ha concluso - credo che l'obiettivo debba essere arrivare a un richiamo annuale del vaccino', magari anche con 'un vaccino bivalente, che comprenda anche il vaccino influenzale'.