TimGate
header.weather.state

Oggi 04 ottobre 2022 - Aggiornato alle 16:00

 /    /    /  Cosa fare e vedere nella splendida Valle d'Itria
Cosa fare e vedere nella splendida Valle d'Itria

Ostuni- Credit: Manuel Sansone - Unsplush

L'ITALIA DELLA FIBRA16 luglio 2022

Cosa fare e vedere nella splendida Valle d'Itria

di Silvia Marchetti

Non solo trulli: ecco le tappe insolite per scoprire la vallata pugliese

La Valle d'Itria è un posto quasi fuori dal tempo, dove la campagna sembra non finire mai, in un saliscendi di stradine bordate da muretti a secco e caratterizzate dai famosi trulli, architetture uniche al mondo e dislocate nell'entroterra pugliese, tra le province di Bari, Brindisi e Taranto.

 

Ma non sono solo i trulli a rendere imperdibile la vallata: tra un uliveto e l'altro, si alternano infatti borghi affascinanti, territori da scoprire e dai quali lasciarsi sedurre, con viuzze che si inerpicano strette tra muri bianchissimi e fioriere colorate, ma anche piazze ed edifici che trasudano storie antiche da ascoltare e custodire per sempre. Paesi nei quali potete perdervi e far volare la fantasia, per scattare foto da cartolina e girare video emozionanti.

 

Ecco alcuni suggerimenti su cosa fare e vedere in Valle d'Itria, sia per chi abita nei dintorni e non ha ancora avuto modo di apprezzarla a dovere, sia per chi si trova in Puglia per la prima volta, per piacere o per lavoro, con un po' di giornate libere a disposizione.

 

Scoprire le due anime di Alberobello

Cominciamo il nostro viaggio da Alberobello, il borgo più famoso della Valle d'Itria e capitale dei trulli. La città barese presenta due anime: c'è il suo centro storico, che si estende fino a Rione Monti, un labirinto di stradine bianche sulle quali si affacciano centinaia di trulli restaurati per ospitare negozietti, botteghe di artigiani e locali trendy; e c'è Rione Aia Piccola, meno turistica e più tranquilla, dove non troverete souvenir e attività commerciali, ma 400 trulli abitati, con tanto di arredi originali. Qui potete scoprire le leggende che animano Alberobello, farvi ospitare dai residenti che lasciano aperte le porte dei propri trulli per visitarne l'interno (in cambio di una piccola offerta).

 

Una foto sulla Balconata di Santa Lucia

La Balconata di Santa Lucia è il punto panoramico più bello di Alberobello. Si raggiunge tramite una scalinata dipinta e ornata di frasi poetiche. La terrazza è posta ai piedi dell'omonima chiesa, lungo il confine tra la città nuova e il centro storico. Ma se trovate troppi turisti e non amate mettervi in fila per scattare il vostro selfie-ricordo, optate per il giardino di Villa Comunale, a cui si accede da una delle stradine in salita (via Brigata Regina) che da Largo Martellotta conducono nel Rione Aia Piccola, oltrepassando un cancelletto di ferro. Anche da questo punto la vista è mozzafiato.

 

Un giro per Locorotondo (anche per vedere 'il mare')

No, non siamo impazziti. Sappiamo che Locorotondo è ben distante dal mare. Ma c'è un modo per vederlo. Se scendete le scale fino a via Nardelli, vi ritroverete sul 'Lungomare'. Percorrendo questa via all'alba, infatti, la foschia che si forma nella valle crea l'illusione di essere proprio sul mare. Da non perdere, ovviamente, anche il centro storico della cittadina, una bomboniera da favola caratterizzata da vicoli stretti, orlati da alte case bianche, le cummerse, dal tetto aguzzo e spiovente, spesso confuse con i vicini trulli. Terminata la passeggiata in via Aprile, arriverete al balcone più famoso della Valle d'Itria, che abbraccia tutta la vallata, punteggiata di trulli, ulivi e masserie.

 

Perdersi nella bianca Ostuni

Ostuni è spettacolare ed è chiamata la 'città bianca' perché l'intonaco sui muri dei suoi edifici amplifica la splendida luce del sud, tanto che non vi sembrerà di stare in Italia ma di essere approdati su un'isoletta tipica della Grecia. Passando sotto archi, salendo e scendendo gradinate, alla ricerca di angoli più appartati e silenziosi, rimarrete estasiati da tanta bellezza. Tappa d'obbligo alla Basilica di Santa Maria Assunta e alle vecchie imponenti mura aragonesi, per poi raggiungere il mare. Passerete in un attimo dalla spiaggia di sabbia finissima alle alte scogliere, fino a deliziose calette tutte da scoprire. Un consiglio: se amate la natura 'selvaggia', visitate il Parco Dune Costiere. Non ve ne pentirete!

 

Un salto a Martina Franca, tra musica e arte

Martina Franca è sicuramente la meta più chic della Valle d'Itria, la 'regina del tacco d’Italia'. Questa cittadina trecentesca è un borgo medievale che sorge sulle propaggini meridionali delle Murge, nel Tarantino. D'estate diventa la capitale pugliese del Belcanto, con il Festival della Valle d'Itria rivolto agli appassionati di musica lirica e sinfonica. Passeggiando per il suo centro storico potrete ammirare le sue numerose chiese, i suoi palazzi barocchi e vi imbatterete in boutique e locali dove fermarvi per un aperitivo o per degustare prodotti tipici come il capocollo e le bombette. E per conoscere la storia della città, vi consigliamo di visitare la Grotta di Monte Fellone, uno degli insediamenti più antichi (risale infatti al neolitico) dove è possibile ammirare alcuni ritrovamenti archeologici effettuati negli anni '60.

 

Salire sulle 12 altalene di Cisternino

Cisternino è un vero e proprio gioiello. Non saprete quale angolo fotografare prima, perché ogni volta che svolterete in un vicolo ci sarà sempre una sorpresa ad attendervi. Visitare questo borgo della Valle d'Itria significa addentrarsi in un intricato labirinto di viuzze e scalinate bianchissime, per poi ritrovarsi, tutto ad un tratto, in animate piazzette. Non dimenticate di passare da Via Santa Maria di Costantinopoli, dove si trova l'arco di Cisternino più bello, e da Piazza Vittorio Emanuele (ci sono ottime gelaterie artigianali), per ammirare la Torre dell'Orologio realizzata nel 1850. Oppure da Villa Comunale, tutti con il naso all'insù, per ammirare i dischi di centrini realizzati all'uncinetto. Un'ultima chicca: salite sulle 12 altalene del 'borgo che dondola', un percorso da seguire composto da 12 tappe (ce ne sono alcune dedicate a Frida Khalo, a Dante e a Rino Gaetano), che parte da Piazza della Libertà e che invita a godere dei momenti di tranquillità e a riscoprire la spensieratezza dell'infanzia.

 

Navigare veloce in Valle d'Itria

In Valle d'Itria si naviga veloce, anche se il mare è distante! Su tim.it potete infatti verificare la copertura internet nella vostra abitazione, anche alloggiando in un trullo sperduto nella vallata, per trascorrere una vacanza speciale, per lavorare o per studiare senza alcun tipo di problema.


>>> Scegli PREMIUM FWA - Internet Illimitato con velocità fino a 40 Mega 
ma se invece disponi della copertura con la Fibra di TIM approfitta subito delle nuove offerte