TimGate
header.weather.state

Oggi 22 maggio 2022 - Aggiornato alle 10:45

 /    /    /  La curva dei contagi comincia a stabilizzarsi
Perché la curva dei contagi ha cominciato a stabilizzarsi

- Credit: Pixabay

COVID-1922 gennaio 2022

Perché la curva dei contagi ha cominciato a stabilizzarsi

di Tina Carlyle

I casi calano in tutte le fasce d'età ;tranne in quella 0-9 anni


La curva dei contagi da Covid-19 in Italia comincia a stabilizzarsi. A riferirlo è Silvio Brusaferro, presidente dell'Istituto superiore di sanità (Iss), in un video a commento del monitoraggio epidemiologico settimanale.

 

"Negli ultimi 7 giorni è iniziata una decrescita dei casi più marcata nella fascia d'età 20-29 anni". Anche "nelle altre fasce d'età c'è decrescita, ma rimane in crescita la fascia d'età 0-9 anni", ha detto, facendo presente che "c'è una crescita dei casi in tutte le regioni, ma ci sono alcune regioni che mostrano una lieve controtendenza. Il quadro epidemiologico, come si può vedere dalla mappa, è omogeneo in tutto il Paese".

 

Brusaferro ha poi spiegato che l'andamento della curva epidemica evidenzia "la necessità di stabilizzare i dati", ma sostanzialmente "vediamo un'inizio di stabilizzazione della curva". Il dato Rt "per sintomi è in decrescita, questa settimana è pari a 1.15. È in decrescita anche Rt per le ospedalizzazioni che supera di poco il valore di 1". In ambedue i casi "ci troviamo sopra la soglia epidemica, ma notiamo un rallentamento rispetto alle settimane precedenti".

 

E ancora: le proiezioni sull'occupazione di posti letto in terapia intensiva a 30 giorni "mostrano sostanzialmente un impegno relativamente contenuto" delle strutture. Mentre per le aree mediche mostrano, se il trend continuerà nei prossimi 30 giorni, "un impegno significativo".

 

Quanto ai dati della settimana, nell'occupazione dei posti letto "per l'area medica si è raggiunto il 31,6% e per le terapie intensive il 17,3% - ha sottolineato Brusaferro - Nelle rianimazioni si passa, in termini assoluti, da 1.668 casi a 1.698, una lieve crescita" che, in qualche modo, "può essere considerata stabile". Mentre "le aree mediche sono caratterizzate da una crescita: si è passati da 17.648 a 19.659".