Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti, per migliorare l’esperienza di navigazione e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie Clicca Qui. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

menu
Oggi 27 maggio 2020 - Aggiornato alle 00:10
Live
  • 21:45 | Lega, si parte il 13 giugno, chiusura il 26 luglio poi la Coppa
  • 20:34 | Bundesliga, il Bayern passa a Dortmund ed ipoteca il titolo
  • 20:01 | Parmitano: "Non sapevo del virus da novembre"
  • 19:42 | Alessia Marcuzzi e il marito si sarebbero lasciati
  • 19:11 | "One World, One Prayer", il nuovo singolo dei Wailers è su TIMMUSIC
  • 18:53 | Andrea Bocelli ha avuto il coronavirus e ha donato il plasma iperimmune
  • 18:25 | Laura Pausini, il 29 maggio live speciale per beneficenza
  • 18:23 | Il nuovo epicentro del virus è l'America Latina
  • 18:20 | Usa, il ritorno in pubblico di Joe Biden
  • 18:03 | Toni Servillo vince il Nastro d'Argento alla carriera 2020
  • 17:59 | Economia: perché puntare su una ripresa green, parola di medico
  • 17:52 | MotoGP20 è ora disponibile anche su TIMGames
  • 17:42 | Nole Djokovic presenta il suo torneo, l’Adria Tour
  • 17:22 | Lippi: 'A porte chiuse unico modo per riprendere campionato'
  • 17:13 | Le 10 app gratuite più scaricate al mondo durante la pandemia
  • 17:11 | Sibilia: 'Ottimisti su ripartenza serie A'
  • 17:03 | Chi era Jimmy Cobb, leggendario batterista jazz morto a 91 anni
  • 17:01 | Al via la produzione di mascherine nelle carceri
  • 16:00 | La storia di Perfection, calciatore morto di infarto a 21 anni
  • 15:54 | Champions League, quarti in gara secca e Final Four a Istanbul
Che cos’è il Daspo urbano Roma, maggio 2020 - Credit: Marco Iacobucci / IPA / Fotogramma
SPIEGAZIONI SEMPLICI 19 maggio 2020

Che cos’è il Daspo urbano

di Roberto Pianta

La normativa, il significato della parola "Daspo", la differenza dal Daspo degli stadi

 

Il “Daspo urbano” è una delle misure previste dal decreto sicurezza approvato dal governo Gentiloni il 10 febbraio 2017 e convertito in legge il successivo 18 aprile 2017. 

Il decreto era chiamato dai giornalisti “Decreto Minniti”, in quanto il principale fautore del provvedimento era proprio l’allora ministro degli interni, Marco Minniti.

 

Il significato della parola: cosa vuol dire Daspo?

Il termine “Daspo urbano” è il modo con cui la stampa e i politici chiamarono questa misura per affinità con il Daspo, cioè il “Divieto di Accedere alle manifestazioni SPOrtive”, introdotto in Italia con la legge 401 del 1989 per combattere la violenza negli stadi vietando l’ingresso a persone già responsabili di disordini e aggressioni.

Se il Daspo originale, cioè quello sportivo, impedisce a persone pericolose di accedere agli stadi, il “Daspo urbano” serve a tenerle lontane da determinati luoghi di una città.

 

La normativa del Daspo urbano

Con il “Daspo urbano”, spetta al sindaco, in collaborazione con il prefetto, stabilire se una persona debba essere allontanata da una certa area del territorio del comune.

Oltre all’allontanamento, la legge prevede anche una multa.

Il Daspo urbano era stato pensato soprattutto per combattere lo spaccio all'aperto e i parcheggiatori abusivi.

Tuttavia, applicazioni del Daspo urbano sono previste anche nei diversi altri casi in cui una persona risulti pericolosa: il diritto cita espressamente l'ubriachezza violenta (articolo 688 del codice penale), gli “atti contrari alla pubblica decenza” (articolo 726 del codice penale) e il commercio abusivo.

Per quanto riguarda le aree da cui la persona colpita da Daspo urbano deve allontanarsi, la legge fra riferimento anche ad alcuni luoghi precisi: “stazioni ferroviarie, aeroportuali, marittime e di trasporto pubblico locale, urbano ed extraurbano” e “scuole, plessi scolastici e siti universitari, musei, aree e parchi archeologici, complessi monumentali o altri istituti e luoghi della cultura o comunque interessati da consistenti flussi turistici”. 

La legge, quando parla di Daspo urbano, può dar adito a varie interpretazioni, in quanto l'allontanamento riguarda “chiunque ponga in essere condotte che impediscono l’accessibilità e la fruizione delle predette infrastrutture, in violazione dei divieti di stazionamento o di occupazione di spazi ivi previsti".

Secondo la legge Minniti, la sanzione amministrativa pecuniaria va da 100 a 300 euro.

Potete leggere il testo della legge qui.

 

L'estensione del Daspo: terrorismo, fiere, mercati, ospedali

Nell’autunno 2018 il governo Conte 1 ha approvato un altro decreto in cui si parla del Daspo urbano: si tratta del decreto sulla sicurezza (detto “decreto Salvini”, anche in questo prende il nome dell’allora ministro dell’interno) poi convertito in legge.

In tale decreto si estende il Daspo urbano anche “ai presidi sanitari” (ospedali, ambulatori eccetera) e alle zone che ospitano fiere, mercati e spettacoli.

La misura riguarda anche le persone indiziate per reati di terrorismo.

Quindi, se una persona è sospettata di terrorismo, può essere allontanata dal luogo indicato nel provvedimento del sindaco.

Il testo del decreto e una sua spiegazione sono attualmente consultabili sul sito del ministero dell’interno.

La legge dice anche dove vanno a finire i soldi della multa pagata dalla persona colpita dal Daspo: i proventi delle sanzioni sono destinate a "interventi di recupero del degrado urbano".

 

 

Leggi tutto su News