Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti, per migliorare l’esperienza di navigazione e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca qui. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

  • News
    • Tutto
    • Italia
    • Esteri
    • Gossip e Celebrità
    • Tecnologia
  • Intrattenimento
    • Tutto
    • Cinema
    • Musica
    • TV
    • Videogames
  • Donna
    • Tutto
    • Moda
    • Mamme e Bambini
    • Salute
  • Sport
    • Tutto
    • Calcio
    • Classifica Serie A TIM
    • Classifica Marcatori Serie A TIM
    • Risultati Serie A TIM
    • Altri Sport
  • Lifestyle
    • Tutto
    • Costume e Società
    • Ricette
    • Arredamento
    • Green
  • Tempo Libero
    • Tutto
    • Viaggi
    • Libri
    • Hobby
    • Come fare
    • Motori
  • Video
    • Tutto
    • Risorgimento Digitale
    • Divertenti
    • Sport
    • Top Video
  • Servizi
    • Tutto
    • Oroscopo
    • Meteo
    • Mobile Ticketing
  • Codici Sconto
  • Personalizza il tuo TIMgate>> Personalizza il tuo TIMgate >>
menu
Oggi 26 ottobre 2020 - Aggiornato alle 19:06
Live
  • 18:22 | Donnarumma: 'Sto bene, chi lotta contro il virus non molli'
  • 18:19 | Su WhatsApp ora si possono silenziare le chat “per sempre”
  • 18:15 | Ryan Reynolds vota per la prima volta negli USA
  • 17:45 | Pesto alla genovese
  • 17:30 | Covid-19, Italia: 21.273 nuovi casi e 128 morti
  • 16:22 | Bonucci, escluse lesioni ma la Champions è a rischio
  • 16:15 | Stati Uniti, come si elegge il presidente
  • 15:01 | Gasperini: 'L'Atalanta non è in difficoltà'
  • 14:41 | L’Atalanta si prepara a sfidare l’Ajax
  • 13:26 | Raffaello: trama e ordito. Gli arazzi di Palazzo Ducale a Mantova
  • 13:24 | A Total War Saga: Troy in uscita il 5 novembre
  • 13:23 | Can Yaman e Demet Özdemir di nuovo insieme
  • 13:12 | “I sogni di un’estate” è il nuovo singolo di Didio, l’intervista
  • 13:03 | Perché il Cile ha cancellato la Costituzione di Pinochet
  • 12:59 | Fabio Fognini ancora positivo, stagione finita
  • 12:52 | Basket, Serie A: risultati tabellini e classifica dopo la 5ª giornata
  • 12:45 | Tiziano Ferro canta Battiato: ecco la cover di "E ti vengo a cercare"
  • 12:29 | Gigio Donnarumma è positivo al Covid-19
  • 12:08 | Le rapper donna italiane più amate
  • 12:00 | Adele e il suo peso dimezzato
Distanza su bus e treni: cosa è stato deciso finora - Credit: Pixabay
COVID-19 6 agosto 2020

Distanza su bus e treni: cosa è stato deciso finora

di Michela Cannovale

La maggior parte delle Regioni è già tornata all'assegnazione del 100% dei posti

È caos sui distanziamenti a bordo dei mezzi pubblici dopo l’ultima ordinanza firmata dal ministro Speranza che confermata l’obbligo di stare ad almeno un metro gli uni dagli altri anche sui treni ad alta velocità.

 

Ma i governatori regionali gridano all’unisono che è impossibile continuare a garantire il distanziamento se si vuole far ripartire il turismo e la normalità pre-Covid.

 

La ministra dei Trasporti Paola De Micheli cerca di tranquillizzarli: “Il decreto legge, quando abbiamo fatto la riapertura, prevedeva che le Regioni avessero la possibilità di stringere o allargare le misure di sicurezza”, spiega, ricordando che Roma “decide sull’alta velocità e sui trasporti interregionali”.

 

Ecco quindi cos’hanno deciso per il momento Lombardia, Emilia-Romagna, Alto Adige, Calabria, Sardegna, Puglia, Sicilia, Basilicata e Veneto.

 

In Lombardia, l’azienda regionale Trenord ha avvisato i passeggeri che “dal 1 agosto 2020, in seguito alle nuove disposizioni emanate dalle autorità (regionali, ndr), su tutti i nostri treni viene ripristinata la possibilità di occupare il 100% dei posti a sedere” e che “sarà possibile occupare il 25% dei posti in piedi mantenendo almeno 1 metro di distanza interpersonale”.

Insomma, circa 12-15 persone a convoglio, e cioè un liberi tutti completo, con tanto di rimozione “della segnaletica“. Resta comunque obbligatorio l’uso della mascherina a bordo. A Milano, invece, la società che i trasporti pubblici preferisce mantenere il distanziamento “in attesa di un chiarimento”.

 

In Emilia Romagna sui treni regionali si possono occupare tutti i posti già dal 25 giugno. Mentre in Alto Adige la liberalizzazione è in vigore dal 26 giugno, così come in Calabria, Sardegna, Puglia e Sicilia. Distanziamento ancora valido, invece, su bus e treni della Basilicata.

 

“Non si capisce perché gli stessi lavoratori che stanno vicini con la mascherina al lavoro non possono stare vicini con la mascherina anche sui mezzi di trasporto”, sostiene per esempio il presidente del Veneto Luca Zaia, confermando che non seguirà la nuova ordinanza di Speranza: “Non è un atto di irresponsabilità. Se si tratta di svuotare del 40% i bus e del 50% i treni, si dica ai cittadini che non ci sono alternative per il trasporto pubblico”.

Leggi tutto su News