TimGate
header.weather.state

Oggi 03 luglio 2022 - Aggiornato alle 19:30

 /    /    /  economia ristori covid omicron
Economia, crisi da Covid: il nuovo decreto sostegni

- Credit: charles deluvio/Unsplash

aiuti alle imprese22 gennaio 2022

Economia, crisi da Covid: il nuovo decreto sostegni

di Carlo Savelli

Una serie di provvedimenti da 3,5 miliardi di euro ai settori più colpiti e contro il caro energia

Vale 3,5 miliardi il decreto legge approvato venerdì 21 gennaio dal Consiglio dei ministri per predisporre gli aiuti ai settori colpiti dalla recrudescenza dei contagi di Covid-19 con la variante Omicron.

 

L'ammontare degli interventi è diviso fra sostegni alle attività economiche più interessate dalla crisi e misure contro il costo notevolmente cresciuto dell'energia.

Non ci sarà però un nuovo scostamento di bilancio, cosa che invece alcuni osservatori avevano previsto.

––––––––––

LEGGI ANCHE:

Il peso dei costi dell'energia sulle imprese italiane

––––––––––

 

In sintesi queste le misure (fonte Valentina Conte, Luca Pagni, Repubblica):

–Alle aziende del commercio e del turismo andranno oltre mezzo miliardi di sostegni sotto forma di contributi a fondo perduto, decontribuzione, crediti di imposta, sospensione di alcune imposte.

–Non ci sarà un nuovo ciclo di Cassa integrazione Covid ma è prevista la Cassa integrazione per tre mesi senza addizionali per alcuni settori come i tour operator, le agenzie di viaggio, le terme, le sale giochi, le compagnie di bus, il catering, le mense, i bar, la ristorazione sui treni e navi; le funicolari e le seggiovie, i musei e i radio taxi.

–Per il caro energia, annullati gli oneri di sistema nel primo trimestre 2022 per le imprese con potenza pari o superiore a 16,5 kw, anche per illuminazione pubblica o la ricarica dei veicoli elettrici in luoghi pubblici. Per questi provvedimenti stanziati 1,2 miliardi.

Sempre contro il caro energia, previsto un contributo straordinario alle imprese "energivore", quelle con costi elettrici sopra il 30% tra fine '21 e '19, sotto forma di credito di imposta pari al 20% delle extra spese di inizio 2022. Per questo stanziati 540 milioni.

––––––––––––––

FONTE: il testo del decreto

––––––––––––––