Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti, per migliorare l’esperienza di navigazione e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca qui. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

  • News
    • Tutto
    • Italia
    • Esteri
    • Gossip e Celebrità
    • Tecnologia
  • Intrattenimento
    • Tutto
    • Cinema
    • Musica
    • TV
    • Videogames
  • People
    • Tutto
    • Gossip e Celebrità
    • Social e Influencer
  • Donna
    • Tutto
    • Moda
    • Mamme e Bambini
    • Salute
  • Sport
    • Tutto
    • Calcio
    • Classifica Serie A TIM
    • Classifica Marcatori Serie A TIM
    • Risultati Serie A TIM
    • Altri Sport
  • Lifestyle
    • Tutto
    • Costume e Società
    • Arredamento
    • Ricette
    • Green
  • Tempo Libero
    • Tutto
    • Viaggi
    • Hobby
    • Come fare
  • Video
    • Tutto
    • Arredamento
    • Come fare
    • Costume e società
    • Divertenti
    • Green
    • Hobby
    • Moda
    • Ricette
    • Sport
    • Tecnologia
    • Top Video
    • Viaggi
    • Risorgimento Digitale
  • Servizi
    • Tutto
    • Oroscopo
    • Meteo
    • Mobile Ticketing
  • Personalizza il tuo TIMgate>> Personalizza il tuo TIMgate >>
menu
Oggi 03 dicembre 2021 - Aggiornato alle 10:21
News
  • 09:45 | Le dimissioni del cancelliere austriaco Schallenberg
  • 09:29 | Tutti i nomi per sostituire Kjaer
  • 09:16 | Merkel lascia aprendo all’obbligo vaccinale
  • 09:16 | SBK 2022, Razgatlioglu continuerà a correre col numero 54
  • 09:01 | Il pazzo pareggio tra Lazio e Udinese (4-4)
  • 07:00 | I vaccini e i lockdown in Europa e le altre notizie sulle prime pagine
  • 02:04 | Lazio-Udinese 4-4: Acerbi illude i capitolini, Arslan pari al 99'
  • 23:52 | Rafa Nadal rassegnato: “Sarà Djokovic il primatista di Slam vinti”
  • 21:03 | Torino-Empoli 2-2: Romagnoli e La Mantia rimontano i granata
  • 17:48 | Economia, la ripresa forte dell'Italia
  • 17:30 | La classifica delle città più vivibili
  • 17:11 | Kjaer, coinvolti i legamenti: necessario l'intervento
  • 17:00 | Covid, i dati del 2 dicembre: tasso di positività al 2,5%
  • 16:48 | Lesione al legamento per Kjaer
  • 16:05 | Calcio: due giornate a Spalletti, salta Atalanta ed Empoli
  • 15:45 | Come vedere in tv tutte le partite della Serie A TIM, della Champions e molto altro
  • 13:17 | Vaccini, per Pfizer dovremo fare richiami per diversi anni
  • 13:15 | Ecumenismo alla Casa Bianca di Joe Biden, si celebra Hanukkah
  • 13:07 | Le otto nuove sale di Palazzo Maffei a Verona
  • 12:54 | Basket, Milano ufficializza Bentil: “Opportunità unica, la sfrutterò”
Legge di Bilancio, i punti ancora controversi Molte delle discussioni fra governo e sindacati ruotano attorno al lavoro e alla vita dei lavoratori - Credit: Novantino/Unsplash
economia e welfare 27 ottobre 2021

Legge di Bilancio, i punti ancora controversi

di Luigi Gavazzi

Restano da definire pensioni, tasse e ammortizzatori sociali

Giovedì 27 il Consiglio dei ministri approverà (o forse è meglio dire “dovrebbe approvare”) il testo della legge di Bilancio che verrà poi presentata in Parlamento.

----

LEGGI ANCHE:

Come sarà la legge di Bilancio del governo Draghi

Come crescerà l'economia italiana

----

Come si è visto in questi giorni, soprattutto martedì 26 ottobre nell’incontro finito in un nulla di fatto fra il governo e i sindacati, i punti controversi, sui quali ancora si discute, sono piuttosto rilevanti.

 

Eccoli, in sintesi:

 

– Pensioni: il punto decisivo qui è che il governo, oltre a prevedere una uscita regolata da Quota 100, prevede un sostanziale ritorno alla legge Fornero.

Verranno prorogate sia Opzione Donna sia l’Ape sociale, allargata a nuove categorie di lavori gravosi.

I sindacati chiedono invece – spiega Rosaria Amato su Repubblica del 27 ottobre –  una riforma complessiva delle pensioni che vada in direzione della flessibilità.

 

– Ammortizzatori sociali: qui il problema principale sono le risorse stanziate. Sarebbero tre miliardi, giudicati dai sindacati insufficienti per una vera riforma degli ammortizzatori sociali, anche se non mancano apprezzamenti per alcune delle misure predisposte dal ministro del Lavoro Orlando.

 

– Infine le tasse. Qui sono tutti d’accordo sul taglio del cuneo fiscale per ridurre le tasse che pagano i lavoratori e le imprese. La questione si ingarbuglia perché il governo vuole anche tagliare l’Irap. I sindacati invece chiedono che l’intervento sul fisco vada nella direzione di aumenti di pensioni e salari per far ripartire l’economia italiana perché, dice Il segretario della Cgil Maurizio Landini, “siamo il paese con la più alta riduzione della massa salariale in Europa”. Inoltre, “non è accettabile che il lavoro creato in questi mesi sia precario: siamo di fronte a un milione di posti tra contratti a termine della durata di qualche mese, lavoro somministrato e intermittente o a chiamata".

--------

LEGGI ANCHE:

Perché la ripresa italiana rischia di essere senza nuovo lavoro

------

I più visti

Leggi tutto su News