Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti, per migliorare l’esperienza di navigazione e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca qui. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

  • News
    • Tutto
    • Italia
    • Esteri
    • Gossip e Celebrità
    • Tecnologia
  • Intrattenimento
    • Tutto
    • Cinema
    • Musica
    • TV
    • Videogames
  • Donna
    • Tutto
    • Moda
    • Mamme e Bambini
    • Salute
  • Sport
    • Tutto
    • Calcio
    • Classifica Serie A TIM
    • Classifica Marcatori Serie A TIM
    • Risultati Serie A TIM
    • Altri Sport
  • Lifestyle
    • Tutto
    • Costume e Società
    • Arredamento
    • Ricette
    • Green
  • Tempo Libero
    • Tutto
    • Viaggi
    • Libri
    • Hobby
    • Come fare
    • Motori
  • Video
    • Tutto
    • Per Conoscere
    • Risorgimento Digitale
    • Divertenti
    • Sport
    • Top Video
  • Servizi
    • Tutto
    • Oroscopo
    • Meteo
    • Mobile Ticketing
  • Personalizza il tuo TIMgate>> Personalizza il tuo TIMgate >>
menu
Oggi 10 maggio 2021 - Aggiornato alle 01:00
Live
  • 07:27 | Basket, Serie A 2020/2021: il programma della trentesima giornata
  • 07:22 | Google Play Store: in arrivo le etichette sulla privacy per le app
  • 23:44 | Burgos concede il bis e vince la BCL 2021, Pinar steso 59-64 in finale
  • 23:18 | Il Milan demolisce la Juve nella sfida Champions
  • 20:29 | Come provare gratis la rete 5G per 3 mesi
  • 19:59 | I migliori scooter elettrici: guida alla scelta
  • 17:59 | Capolavoro Mercedes a Barcellona, vince ancora Hamilton
  • 17:45 | Covid, in Italia altri 139 morti
  • 17:42 | Giro d'Italia 2021, la seconda tappa al belga Tim Merlier
  • 17:05 | “Una donna promettere”, arriva al cinema un film da Oscar
  • 16:57 | Courteney Cox alza l’attesa per lo speciale “Friends”
  • 16:51 | “How I met your Father” sarà un vero e proprio spinoff
  • 16:35 | Torna il Ravenna Festival, ecco il programma della 32esima edizione
  • 16:26 | Tutto su "All I Know So Far", il nuovo singolo di P!nk
  • 16:15 | Meghan Markle torna in tv
  • 15:29 | Le esplosioni in un liceo di Kabul
  • 15:28 | "Exuvia", il nuovo album di Caparezza è su TIMMUSIC
  • 15:15 | Cristina Chiabotto è diventata mamma
  • 15:12 | "Mala Suerte" di Marco Carta è in esclusiva solo su TIMMUSIC
  • 15:03 | L’accordo europeo per 1,8 miliardi di dosi Pfizer
La crisi del lavoro nell’anno del Covid - Credit: laughayette/Unsplash
economia e società 27 febbraio 2021

La crisi del lavoro nell’anno del Covid

di Luigi Gavazzi

Giovani, donne e stranieri hanno pagato più di tutti la crisi

L'annuale rapporto del Ministero sul mercato del lavoro, pubblicato il 26 febbraio 2021, aiuta a fare il punto sulla situazione economica e sociale del paese nell’anno della pandemia di Covid-19. 

Vediamolo in sintesi. 

Occupati

Gli occupati sono tornati poco sopra i livelli del 2016; si sono persi in media 470mila posti nei primi nove mesi del 2021.

Per il quarto trimestre non ci sono dati completi; tuttavia le prime stime dicono che anche in questi tre mesi – che hanno registrato una moderata ripresa dell’economia – il numero di occupati è continuato a scendere. Il riferimento è la media dei due anni 2017-2019 durante i quali la media delle attivazione di nuovi contratti ha sempre superato le cessazioni con aumento medio di 136mila occupati. Ebbene, nel terzo trimestre del 2020 il saldo si è fermato a più 23mila, “meno di un sesto degli ultimi due anni”, sottolinea Giovanna Faggionato sul Domani.

Sintetizza invece “La voce.info”:

“L'occupazione è calata in tutto il Paese, con riduzioni del 3,6 per cento nel secondo trimestre e del 2,6 per cento nel terzo: un dato contenuto alla luce della ben più rilevante riduzione nel numero di ore lavorate. I dati più negativi nel secondo trimestre si sono avuti nel Meridione, con un -5,3 per cento di occupati, seguito dal -3 per cento del Nord e dal -2,9 per cento del Centro. La dinamica è cambiata nel terzo trimestre, con il Centro a subire il crollo più rilevante (-3,8 per cento, contro -2,4 al Nord e -2,2 nel Mezzogiorno).”

 

Le ore lavorate

Ancora dalla voce.info:

“Lockdown e crisi economica hanno portato a una forte contrazione nel numero di ore lavorate, che non è stata in seguito pienamente riassorbita ed è tornata a peggiorare con l'arrivo della seconda ondata. Il calo è legato alla riduzione nel numero degli occupati, ma soprattutto all'uso di misure come la cassa integrazione, che ha permesso di distribuire tra i lavoratori la minore domanda di ore di lavoro.”

 

 

LEGGI ANCHE: ••• Economia, i prossimi passaggi del Next Generation Eu ••• I fondi del Next Gen Eu dovrebbero ridurre la diseguaglianza ••• La questione del blocco dei licenziamenti: i settori più a rischio

Inattivi

Notevole l’aumento degli inattivi. Sono considerati inattivi i residenti in età da lavoro (15-64 anni) che non lavorano, non cercano una occupazione e/o non sono disponibili a lavorare (e, ovviamente non sono studenti): sono aumentati di 621mila unità, pari a una crescita dell’1,8%.

Donne

Il calo del tasso di occupazione delle donne è molto più marcato di quello degli uomini: al 30 settembre 2020 si contano per esempio 15mila contratti in più per gli uomini rispetto al 2019 e 38mila in meno per le donne.

Giovani

Anche i più giovani pagano pesantemente. Il confronto fra i primi nove mesi del 2019 e i primi nove mesi del 2020 dice che metà delle posizioni di lavoro perse riguarda gli under 35.

Stranieri e autonomi

Fra le categorie che più pagano la crisi, ci sono anche gli stranieri, che hanno perso il lavoro in proporzione più degli italiani. La riduzione di occupazione è avvenuta soprattutto per il mancato rinnovo dei contratti a termine dei lavoratori dipendenti. Nei primi tre mesi del 2020, ricorda Faggionato, sono stati persi 394mila posti a tempo determinato, pari a un calo del 12,9%; e sono scomparsi 162mila lavoratori autonomi.

Cassa integrazione

Ancora la sintesi della voce.info:

“L'uso di misure di aggiustamento esterne è stato contenuto, limitandosi perlopiù al rinvio delle assunzioni (che ha interessato il 12,2 per cento delle imprese nel periodo marzo-maggio e il 12,7 per cento tra giugno e novembre). Tra le misure interne, quantitativamente molto più rilevanti, la cassa integrazione è stata utilizzata dal 63,1 per cento delle imprese durante il primo lockdown.”

Spiega il documento del Ministero che ci sono ancora 165mila persone in cassa integrazione continuativa a zero ore.

I più visti

Leggi tutto su News