TimGate
header.weather.state

Oggi 08 agosto 2022 - Aggiornato alle 07:45

 /    /    /  Estradizione degli ex terroristi: perché la Francia ha detto no
Estradizione degli ex terroristi: perché la Francia ha detto no

La ministra della Giustizia, Marta Cartabia- Credit: Stefano Carofei / Fotogramma

sentenza controversa30 giugno 2022

Estradizione degli ex terroristi: perché la Francia ha detto no

di Luigi Gavazzi

La decisione della Chambre de l'Instruction della Corte di Appello di Parigi

La Chambre de l'Instruction della Corte di Appello di Parigi ha negato l'estradizione in Italia di dieci ex terroristi condannati a pene dententive per atti gravi - omicidi, ferimenti, rapimenti - compiuti fra gli anni '70 e '80.

La decisione della corte francese è arrivata dopo che nella primavera del 2021 erano stati fermati in Francia, dove da anni risiedevano, il paese nel quale erano fuggiti perché ricercati dalla polizia italiana per essere assicurati alla giustizia.

Secondo le indiscrezioni di stampa, la motivazione della decisione della Chambre de l'Instruction è argomentata su due punti:
- la protezione della vita privata degli ex terroristi, che si sono creati una nuova vita di affetti in Francia;
- il rispetto del processo equo che in Italia non verrebbe garantito.

Ora solo il procuratore generale della Corte d'Appello di Parigi può impugnare la sentenza e chiedere un nuovo esame della questione; ma lo deve fare rapidamente, entro martedì 5 luglio.

La ministra della Giustizia italiana, Marta Cartabia, secondo il retroscena di Liana Milella su Repubblica, è 'sorpresa' per la decisione francese che indistintamente riguarda tutti i terroristi italiani coinvolti, senza distinzione di singole storie e di singoli processi.

Gli ex terroristi per i quali è stata negata l'estradizione sono: -Luigi Bergamin (condannato a 16 anni, 11 mesi e 1 giorno); -Maurizia Di Marzio (5 anni e 9 mesi); -Raffaele Ventura (24 anni e 4 mesi); Sergio Tomaghi (ergastolo); Enzo Calvitti (18 anni, 7 mesi e 25 giorni); Giorgio Petrostefani (14 anni, 2 mesi e 11 giorni); Marina Petrella (ergastolo); Narciso Manenti (ergastolo); Giovanni Alimonti (11 anni, 6 mesi e 9 giorni); Roberta Cappelli (ergastolo).