Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti, per migliorare l’esperienza di navigazione e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca qui. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

  • News
    • Tutto
    • Italia
    • Esteri
    • Gossip e Celebrità
    • Tecnologia
  • Intrattenimento
    • Tutto
    • Cinema
    • Musica
    • TV
    • Videogames
  • People
    • Tutto
    • Gossip e Celebrità
    • Social e Influencer
  • Donna
    • Tutto
    • Moda
    • Mamme e Bambini
    • Salute
  • Sport
    • Tutto
    • Calcio
    • Classifica Serie A TIM
    • Classifica Marcatori Serie A TIM
    • Risultati Serie A TIM
    • Altri Sport
  • Lifestyle
    • Tutto
    • Costume e Società
    • Arredamento
    • Ricette
    • Green
  • Tempo Libero
    • Tutto
    • Viaggi
    • Hobby
    • Come fare
  • Video
    • Tutto
    • Arredamento
    • Come fare
    • Costume e società
    • Divertenti
    • Green
    • Hobby
    • Ricette
    • Sport
    • Tecnologia
    • Top Video
    • Viaggi
    • Risorgimento Digitale
  • Servizi
    • Tutto
    • Oroscopo
    • Meteo
    • Mobile Ticketing
  • Personalizza il tuo TIMgate>> Personalizza il tuo TIMgate >>
menu
Oggi 24 settembre 2021 - Aggiornato alle 03:00
News
  • 20:55 | SBK, Chaz Davies si ritirerà a fine 2021: “Pronto a voltare pagina”
  • 18:30 | Le foto di Robert Doisneau esposte a Rovigo
  • 16:38 | Rincaro bollette, le mosse del governo per ridurre l’impatto
  • 15:00 | Draghi: il governo non aumenterà le tasse, momento per dare non prendere
  • 14:30 | Vaccini, perché le prime dosi sono aumentate nell’ultima settimana
  • 14:29 | A Tokyo una libreria dedicata allo scrittore Haruki Murakami
  • 14:26 | Come sarà il clima nelle città italiane alla fine di questo secolo
  • 12:45 | Ad Art Basel 2021 artisti e opere di alto livello
  • 11:48 | Gli Usa hanno autorizzato la terza dose per gli over 65
  • 11:45 | Il Milan vince e riaggancia l’Inter
  • 11:40 | La prima vittoria in campionato per la Juventus
  • 10:12 | 7 cose da fare e da vedere a Ivrea
  • 09:40 | Nuova power unit per Leclerc, partirà ultimo in Russia
  • 06:30 | Elezioni federali in Germania: le cose da sapere
  • 06:05 | Il green pass in parlamento e le altre notizie sulle prime pagine
  • 06:01 | Basket, Scola a Varese non sarà solo il nuovo amministratore delegato
  • 03:23 | Green pass obbligatorio sul luogo di lavoro: le cose da sapere
  • 19:50 | MotoGP 2021, Zarco operato al braccio destro: ci sarà ad Austin
  • 19:25 | SBK 2021, programma e orari del GP di Spagna a Jerez
  • 19:00 | Covid, 3.970 nuovi casi con l'1,4% di positività
G20 per l’Ambiente di Napoli, tutti i temi in discussione - Credit: markusspiske/unsplash
climate change 23 luglio 2021

G20 per l’Ambiente di Napoli, tutti i temi in discussione

di Luigi Gavazzi

Si attendono impegni precisi e strategie di lungo termine in vista di Cop26 di novembre

È cominciato giovedì 22 luglio e terminerà venerdì sera 23 il G20 sull’Ambiente a Napoli, con il ministro della Transizione ecologica, Roberto Cingolani a fare gli onori di casa.

Cingolani ha iniziato i lavori con un incontro preliminare con l’inviato speciale degli Usa per il clima, John Kerry.

“Italia e Usa insieme per un’alta ambizione e per azioni stringenti in questa decade per tenere la temperatura del pianeta a 1,5 gradi”, ha specificato il Ministero dell’ambiente.

 

Secondo Luca Fraioli su Repubblica, la più attesa è la delegazione cinese – che partecipa solo in video conferenza. Perché tutti giudicano fondamentali i segnali lanciati da Pechino a proposito di interventi per la salute del pianeta, in particolare la disponibilità, già fatta propria da Ue e Usa, di anticipare il taglio delle emissioni di Co2. Fino a oggi Pechino ha sempre guardato al lontanissimo 2060, l’Unione europea nel suo piano parla di zero emissioni per il 2050 e di emissioni ridotte del 55% entro il 2030.

 

Secondo Fraioli, il G20 sul clima potrà dire di essere stato proficuo se  i governi dei paesi più ricchi – oltre l’80% del Pil e delle emissioni – avranno preso impegni precisi: presentare prima di Cop26 (la conferenza Onu sul clima che si terrà a Glasgow in novembre) gli impegni sui tagli delle emissioni di Co2; adottare strategie di lungo termine perché la temperatura media del pianeta non salga oltre gli 1,5 gradi.

 

Temi di dibattito e di disaccordo ce ne sono parecchi: dalla fine dei sussidi statali ai combustibili fossili, all’uso della terminologia (“neutralità carbonica”?, “emissioni bilanciate”?), all’abbandono del carbone. E poi il cosiddetto carbon pricing: quanto far pagare chi inquina se vuole continuare a inquinare. Sul tema, la Ue ha appena previsto nel suo piano Fit for 55 gli Ets (emission trading scheme) proprio per regolare in maniera severa il meccanismo.

 

——

LEGGI ANCHE:

– Il piano dell'Europa per azzerare le emissioni inquinanti entro il 2050

– Il piano della Ue per il clima: importante che sia anche equo

Chi si oppone al piano europeo per la difesa dell’ambiente

——

I più visti

Leggi tutto su News