TimGate
header.weather.state

Oggi 17 maggio 2022 - Aggiornato alle 16:14

 /    /    /  green pass badanti colf obbligo
Green pass, le Faq del governo su badanti e colf

- Credit: Luigi Mistrulli / Fotogramma

covid-1919 ottobre 2021

Green pass, le Faq del governo su badanti e colf

di Gianluca Cedolin

Perché è obbligatoria anche per i care giver la certificazione verde

Il governo ha pubblicato delle nuove Faq, delle risposte alle domande frequenti, riguardanti l’obbligo di Green pass per i lavoratori, in particolare riguardanti la situazione di badanti e colf. Questi, se non sono in possesso di Green pass, non potranno accedere al luogo di lavoro, e se sono conviventi, dovranno abbandonare l’alloggio. Come tutti gli altri lavoratori, quindi, anche loro dovranno avere la certificazione verde che attesti l’avvenuta vaccinazione contro il coronavirus, la guarigione dalla malattia o la negatività a un test fatto nelle precedenti 48 ore (72 se molecolare).

 

La ratio che guida il governo è questa: “Resta impregiudicato il prevalente diritto della persona assistita di poter fruire senza soluzione di continuità dell’assistenza necessaria ricorrendo ad altro idoneo lavoratore. Se la badante è convivente con il datore di lavoro dovrà quindi abbandonare l’alloggio”.

 

Le Faq chiariscono anche che “il vitto e l’alloggio sono prestazioni in natura aventi natura retributiva sicché, alla luce della disciplina legale e della corrispettività del rapporto di lavoro domestico, è corretta la mancata attribuzione delle stesse in virtù della mancata esecuzione della controprestazione lavorativa”. In caso di positività al Covid-19 del badante convivente, invece, questo non potrà allontanarsi dalla casa in cui vive, perché la normativa prevede per tutti il divieto assoluto di allontanarsi dalla propria dimora in caso di quarantena.