TimGate
header.weather.state

Oggi 11 agosto 2022 - Aggiornato alle 13:45

 /    /    /  Perché gli italiani sono scettici sulla guerra
Perché gli italiani sono scettici sulla guerra

Zaporizhzhia, Ucraina- Credit: Ipa-Agency.net / Fotogramma

IL SONDAGGIO21 aprile 2022

Perché gli italiani sono scettici sulla guerra

di Michela Cannovale

Quasi la metà degli italiani crede che l'informazione sia "distorta e pilotata"

L'invasione russa dell'Ucraina è iniziata da quasi due mesi eppure gli italiani continuano ad essere scettici sulla guerra: in molti, infatti, credono che le notizie diffuse dai media tradizionali in merito al conflitto siano mistificatrici, che giornali, tg ed agenzie giornalistiche non raccontino tutto quello che sta succedendo in Ucraina e che, anzi, alterino i fatti manipolando le notizie.

 

È questa la conclusione del sondaggio condotto da Demòpolis, l’Istituto Nazionale di Ricerche che studia le tendenze della società italiana sui temi che caratterizzano un periodo storico.

 

Ecco i dati emersi dal sondaggio:

 

- Gran parte degli italiani, e precisamente sette su dieci, afferma di essere informato sui fatti in Ucraina e di seguire con "molta" o "abbastanza" costanza lo sviluppo del conflitto. 

 

 - Dove si informano? Poco sui giornali e tanto in televisione. Gran parte degli italiani dice inoltre di apprezzare la narrazione del conflitto in tv, ma non quella dei talk show colpevoli di spettacolarizzare la guerra. 

 

- Nello specifico, la narrazione sulla guerra in Ucraina crea uno scetticismo diffuso sulla veridicità e credibilità delle notizie diffuse dai media nazionali e internazionali: quasi della metà degli italiani (circa cinque su dieci) crede che l'informazione sia "distorta e pilotata".

 

- Per quasi un italiano su quattro (2,5 su dieci), invece, non solo l'informazione non è corretta, ma i massacri mostrati dagli organi di stampa sarebbe frutto della propaganda ucraina "ispirata" dal presidente Zelensky.

 

- LEGGI ANCHE: SPECIALE La guerra in Ucraina