Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti, per migliorare l’esperienza di navigazione e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca qui. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

  • News
    • Tutto
    • Italia
    • Esteri
    • Gossip e Celebrità
    • Tecnologia
  • Intrattenimento
    • Tutto
    • Cinema
    • Musica
    • TV
    • Videogames
  • People
    • Tutto
    • Gossip e Celebrità
    • Social e Influencer
  • Donna
    • Tutto
    • Moda
    • Mamme e Bambini
    • Salute
  • Sport
    • Tutto
    • Calcio
    • Classifica Serie A TIM
    • Classifica Marcatori Serie A TIM
    • Risultati Serie A TIM
    • Altri Sport
  • Lifestyle
    • Tutto
    • Costume e Società
    • Arredamento
    • Ricette
    • Green
  • Tempo Libero
    • Tutto
    • Viaggi
    • Hobby
    • Come fare
  • Video
    • Tutto
    • Arredamento
    • Come fare
    • Costume e società
    • Divertenti
    • Green
    • Hobby
    • Moda
    • Ricette
    • Sport
    • Tecnologia
    • Top Video
    • Viaggi
    • Risorgimento Digitale
  • Servizi
    • Tutto
    • Oroscopo
    • Meteo
    • Mobile Ticketing
  • Personalizza il tuo TIMgate>> Personalizza il tuo TIMgate >>
menu
Oggi 24 ottobre 2021 - Aggiornato alle 09:00
News
  • 21:55 | Come vedere in tv tutte le partite della Serie A TIM, della Champions e molto altro
  • 09:53 | Chi è Otoniel, il narcotrafficante più ricercato del mondo, ora in prigione
  • 20:23 | Il Sassuolo batte 3-1 il Venezia e lo stacca in classifica
  • 20:23 | Mourinho: 'Io scontento del club? Bugia'
  • 20:17 | Jannik Sinner va in finale ad Anversa (e rivede Torino)
  • 19:43 | Come e perché ridurre le diseguaglianze sociali
  • 17:01 | Salernitana-Empoli 2-4, inizio choc per Colantuono
  • 17:00 | Covid, i dati del 23 ottobre: tasso di positività allo 0,8%
  • 16:15 | Spalletti: 'La Roma non sarà mai mia nemica'
  • 15:51 | MotoGP 2021, Misano2: Bagnaia centra la pole passando dalla Q1
  • 13:48 | Quanti sono gli italiani ancora senza vaccino anti-Covid
  • 13:33 | "In Italia la pandemia è sotto controllo": le parole di Brusaferro
  • 13:22 | Draghi è contro i muri anti-migranti in Ue
  • 10:50 | I lavoratori senza Green pass sono circa 1 milione
  • 10:41 | Perché aumenta la fame nel mondo
  • 10:40 | Il Milan a Bologna cerca vittoria e primato
  • 10:30 | Bankitalia: migliorano ripresa, lavoro e fiducia, Pil 2021 +6%
  • 10:23 | La grave ondata di Covid-19 in Romania
  • 10:10 | Le importanti vittorie per Torino e Sampdoria
  • 09:39 | Verstappen manda a quel paese Hamilton in pista ad Austin
7 cose da fare e da vedere a Ivrea - Credit: Matic Kozinc / Unsplash 
L’ITALIA DELLA FIBRA 23 settembre 2021

7 cose da fare e da vedere a Ivrea

di Maria Verderio

In viaggio nei comuni con internet a banda ultralarga

 

Siamo giunti alla nuova tappa del viaggio di TIMGate alla scoperta dei comuni italiani raggiunti della banda ultralarga di TIM, con connessioni in fibra che possono persino arrivare alla velocità di 1 Gigabit al secondo.

Luoghi per una vacanza, un weekend, una gita - o addirittura per trasferirsi e viverci, lavorando da lì in smart working, visto che internet ce lo permette.

 

Il viaggio di TIMGate prosegue alla scoperta di Ivrea, città industriale del XX secolo e patrimonio dell’Unesco. Yn comune italiano di quasi 25mila abitanti, bagnato dalla Dora Baltea e collocato tra le colline moreniche.

Ivrea è una sorta di culla, ricca di laghi e verdeggiante.

 

Qui di seguito, le 7 cose che consigliamo di fare e vedere se vi trovate da queste parti.

 

1) Esplorare i Cinque Laghi

Cominciamo dalla natura. A pochi minuti dal centro di Ivrea è possibile immergersi in un’oasi di pace e bellezza: quella chiamata dei Cinque Laghi, di cui il più noto è il Lago Sirio. Da qui parte una fitta rete di piccoli sentieri che permette di raggiungere gli altri laghi. Sulle sponde, si affacciano ristoranti tipici dove degustare piatti favolosi.

 

2) Restare in equilibrio sulle Terre Ballerine

Sempre attorno all’area dei Cinque Laghi, nei pressi del Lago Pistono, si trovano le cosiddette Terre Ballerine. Qui la vegetazione boschiva cresce sulla torbiera sottostante, che si è formata grazie al sedimento della vegetazione e degli organismi sull’ormai scomparso Lago Coniglio. Lo strato di torba su cui cresce la vegetazione è, di fatto, appoggiato sul residuo esiguo dell’antico lago. Quando camminerete sulle Terre Ballerine, quindi, vi sembrerà di muovervi su un immenso materasso naturale che galleggia. Una sensazione indescrivibile, da provare.

 

3) Ascoltare i suoni della Torre Campanaria

Nel Medioevo, i monaci benedettini edificarono il complesso abbaziale di Santo Stefano, e molto probabilmente la costruzione di questo centro serviva per bonificare l’area paludosa della riva sinistra della Dora, ma anche per avere un riferimento di vigilanza e di sicurezza, difficile da espugnare. Nei secoli, la grande Torre Campanaria romanica ha subito rimaneggiamenti di stile, riconoscibili nei vari piani.

 

4) Passeggiare per le vie dei borghi

Nei dintorni di Ivrea sorgono piccoli e incantati borghi con molte particolarità. C’è il borgo di Montalto Dora, con il castello e il parco archeologico neolitico del Lago Pistono; Chiaverano, con la Bottega del Frer e la preziosa chiesa romanica di Santo Stefano di Sessano; Borgofranco d’Ivrea, con le piccole grotte in cui si conservano formaggi e vini grazie al sistema naturale di aerazione.

 

5) Gustare i piatti tipici della città

Ivrea è ricca di piatti tipici della tradizione piemontese. Fra i più noti: la salsa “bagnet verd”, ottenuta con aglio, acciughe, capperi, prezzemolo: perfetta da servire con il bollito, altra specialità tipica piemontese. 

Poi le Bugie, frittelle impastate con farina e acquavite; i Malfatti, da condire con ragù o sugo di funghi; la Mousse di castagne, un dolce da leccarsi i baffi.

 

6) Dialogare con un imprenditore illuminato

Se si pensa a Ivrea, la mente va subito ad Adriano Olivetti, l’imprenditore illuminato che è stato una vera guida per la città. Il padre, Camillo Olivetti, nel 1908 costituì a Ivrea la prima fabbrica nazionale di macchine da scrivere. Alla fine degli anni Venti la produzione era arrivata a 13mila pezzi grazie al figlio Adriano, imprenditore che riuscì a creare modelli che rimasero simboli iconici italiani. Ma soprattutto, Adriano Olivetti lascia all’umanità un nuovo modo di fare azienda, con la cura nei confronti del personale e delle singole esigenze umane.

 

7) Scrivere a macchina nel Museo Laboratorio Olivetti

A Ivrea, in via Jervis, è stato istituito un museo-laboratorio in cui sono esposte le macchine da scrivere, i calcolatori elettronici e i computer che hanno contribuito (materialmente) a scrivere la storia d’Italia e dell’azienda. Un museo irrinunciabile, soprattutto per coloro che sono innamorati del design e della storia della tecnologia. 

 

Internet a Ivrea

Ad aprile 2021 TIM ha avviato a Ivrea un piano di cablaggio che, con un investimento stimato di circa 3 milioni di euro e in sinergia con l’amministrazione comunale, porta la fibra ottica fino alle abitazioni per rendere disponibili collegamenti ultraveloci fino a 1 Gigabit al secondo.

Grazie a questo piano, Ivrea viene dotata di una rete in fibra ottica ancora più performante di quella già prima a disposizione di cittadini e imprese (collegamenti fino a 200 megabit per oltre 11mila unità immobiliari).

 

I più visti

Leggi tutto su News