TimGate
header.weather.state

Oggi 03 luglio 2022 - Aggiornato alle 17:00

 /    /    /  Lavoro, quali sono i diplomati più ricercati in Italia
Lavoro, quali sono i diplomati più ricercati in Italia

- Credit: Pixabay

economia03 maggio 2021

Lavoro, quali sono i diplomati più ricercati in Italia

di Michela Cannovale

Nel 2020 sono risultati introvabili ;318mila profili

Secondo un report di Confindustria sui titoli di lavoro più richiesti nel settore industriale e in quello dei servizi, nonostante in diversi settori non è necessaria una laurea e sarebbe invece sufficiente un'istruzione tecnica professionalizzante, mancano ancora all'appello troppi diplomati. Nel 2020 ne sono mancati 318mila, per la precisione, pari al 28% degli ingressi previsti.

LEGGI ANCHE:

Istat: effetto Covid, 900mila occupati in meno da febbraio 2020

Lavoro, perché crescono gli inattivi e perché il dato è importante
Pnrr, che cos’è e cosa contiene
I fondi del Next Gen Eu dovrebbero ridurre la diseguaglianza

Ecco quali profili risultano particolarmente introvabili e sono quindi richiesti:

 

- la carenza di competenze come difficoltà delle imprese ad assumere è più alta nel settore "turismo, enogastronomia e ospitalità" (56,4%),

 

- nel settore "elettronica e elettrotecnica" (54,5%),

 

- in quello "amministrazione, finanza, marketing" (52,3%),

 

- ma anche in "grafica e comunicazione" (48,6%),

 

- e infine in "chimico, materiali e biotecnologie" (43,7%).

 

Le cause a monte

Una difficoltà, quella di reperire i diplomati, che potrebbe dipendere per il 48% legate alla carenza di competenze e per il 43% alla carenza di offerta, si legge sul report.

 

"A monte non ci sono abbastanza iscritti agli istituti tecnici e professionali. È un tema su cui stiamo lavorando molto assieme al ministro dell'Istruzione, anche per creare una filiera che abbia come terminale gli Its sbocco terziario naturale dei percorsi tecnico-professionali", ha spiegato il vicepresidente di Confindustria per il Capitale Umano, Giovanni Brugnoli.

La situazione nel 2017

Il report nota inoltre che nel 2017, nel nostro Paese, il 63% degli assunti nel settore industriale aveva un diploma tecnico, il 21% di tipo professionale, e solo il 16% provenienti dal liceo. Anche nel settore dei servizi nel 2017 la maggior parte degli assunti (il 58%) aveva un diploma tecnico. Il 15% proveniva dal professionale e il 27% dal liceo.