TimGate
header.weather.state

Oggi 06 luglio 2022 - Aggiornato alle 03:00

 /    /    /  Mascherina in aereo: su quali voli è obbligatoria in Italia
Mascherina in aereo: su quali voli è obbligatoria in Italia

- Credit: Pixabay

COVID-1919 maggio 2022

Mascherina in aereo: su quali voli è obbligatoria in Italia

di Michela Cannovale

Esistono differenze anche in base alla compagnia aerea utilizzata

Come spiegavamo qui, nonostante lo stop all'obbligo di mascherine sui voli nell'Unione europea scattato il 16 maggio, il dispositivo di protezione dovrà continuare ad essere indossato nei aeroporti e negli aerei in Italia fino al 15 giugno.

 

A  sono le linee guida sulla sicurezza dei viaggi, stilate dal Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (Ecdc) e dall'Agenzia europea per la sicurezza aerea (Aesa) che precisano che l'obbligo di mascherina rimane vigente nei Paesi - come l'Italia, appunto - che prevedono ancora il suo utilizzo sui mezzi di trasporto.

 

Differenze tra chi viaggia verso o dall'Italia

La normativa pone tuttavia delle differenze per i passeggeri che viaggiano da e verso il nostro Paese e a seconda delle compagnie aeree utilizzate. Questo vuol dire, cioè, che l'obbligo di mascherina è valido solo in alcuni casi.

 

Come ha chiarito l'ENAC, Ente Nazionale per l’Aviazione Civile, i dispositivi di protezioni devono essere utilizzati per legge "dai passeggeri e dagli equipaggi dei voli operanti su territorio nazionale (la cui tratta preveda pertanto origine e destinazione in Italia), indipendentemente dal Paese di rilascio della licenza del vettore aereo" e "per l'accesso e l'utilizzo di aeromobili gestiti da vettori aerei con licenza italiana è sempre obbligatorio indossare una mascherina Ffp2, sia per i passeggeri che per il personale della compagnia aerea".

 

Per i passeggeri dei voli che operano su tratte internazionali, anche quando questi partono dall'Italia, invece, si ritengono applicabili le norme in vigore del Paese che ha rilasciato la licenza al vettore aereo.

 

Quindi, funziona così: se per esempio si parte da Roma con destinazione Londra utilizzando una compagnia aerea di bandiera britannica, allora la mascherina non è obbligatoria (il Regno Unito, infatti, non prevede il suo utilizzo sui mezzi di trasporto). Se ci si imbarca con una compagnia di bandiera italiana, invece, deve essere indossata, anche se si è diretti all'estero. Allo stesso modo deve essere indossata quando da Londra si viaggia con destinazione Roma a bordo di una società italiana.

 

L'Enac ad ogni modo inserisce, fra le sue raccomandazioni dirette agli operatori degli aerei, di informare "in modo efficace i passeggeri circa le misure richieste a bordo degli aeromobili in modo tempestivo, nonché circa le regole e lemisure sanitarie vigenti negli Stati di partenza e destinazione" e di "disporre, laddove possibile, distributori automatici di mascherine e altri dispositivi di protezione individuale in prossimità degli accessi al Terminal".