Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti, per migliorare l’esperienza di navigazione e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie Clicca Qui. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

menu
Oggi 27 maggio 2020 - Aggiornato alle 12:45
Live
  • 13:01 | Borussia Dormund in ansia per l'infortunio di Haaland
  • 12:52 | Come scegliere la tua prossima mascherina
  • 12:45 | Benedetta Rossi e i problemi di salute del cane
  • 12:24 | Ravioli cinesi
  • 12:20 | Senato boccia emendamento per la ripresa. La Ligue1 è conclusa
  • 12:19 | Charlotte al limone
  • 12:06 | Mario Balotelli è tornato ad allenarsi
  • 11:59 | “Labyrinth”, il film cult del 1986 avrà un sequel
  • 11:52 | Kulusevski: “Ho scelto la Juve per imparare”
  • 11:15 | Sondaggi, Italia viva all'1,5%
  • 11:10 | La riapertura di Berlino dal prossimo 15 giugno
  • 11:08 | La Lombardia rischia di non riaprire subito i confini
  • 11:07 | Il Roland Garros è salvo (e ci sarà il pubblico)
  • 11:00 | Economia: perché puntare su una ripresa green, parola di medico
  • 10:45 | Chi era Jimmy Cobb, leggendario batterista jazz morto a 91 anni
  • 10:33 | I 7 punti di Conte per la ripartenza
  • 10:30 | "Polizia, c'è un uomo africano che mi spaventa"
  • 09:45 | Gabriella Greison e la fisica, a TIM Operazione Risorgimento Digitale
  • 09:00 | Chi sono i Rebel Rootz, l’intervista al gruppo trentino
  • 09:00 | Che fine hanno fatto gli attori di The O.C.
Tredici anni fa l'ultima Champions del Milan Maldini e Ancelotti tornano a Milano con la coppa - Credit: Gerace / Fotogramma
ANNIVERSARIO 23 maggio 2020

Tredici anni fa l'ultima Champions del Milan

di Gianluca Cedolin

La settima della storia rossonera, ad Atene

Tredici anni fa, il 23 maggio 2007, il Milan batteva il Liverpool 2-1 e vinceva la settima Champions League della sua storia: i rossoneri sono ancora secondi per numero di vittorie, dietro l'inarrivabile Real Madrid (arrivato a 13).

La partita di Atene completava un ciclo di tre finali in cinque anni, la prima vinta nel 2003 contro la Juventus a Manchester, la seconda persa in maniera incredibile a Istanbul contro il Liverpool, e la terza, sempre contro i Reds, della rivincita.

 

Era un Milan con molti giocatori sul viale del tramonto, su tutti l'eterno capitan Maldini, ad alzare nella capitale greca la sua quinta Coppa dei Campioni, su otto finali giocate. Decisiva era stata la doppietta di Pippo Inzaghi, in gol nel recupero del primo tempo con una deviazione (cercata?) sulla punizione di Pirlo e nel secondo tempo su passaggio filtrante di Kakà. Il brasiliano, dopo tre gol in due partite al Manchester in semifinale e tutta la competizione giocata da trascinatore, a dicembre avrebbe anche vinto il pallone d'oro, ultimo ad aggiudicarselo prima del dominio decennale Ronaldo-Messi (interrotto nel 2018 da Modric).

 

E poi c'erano i vari Nesta, Gattuso, Pirlo, Seedorf. C'era anche Ronaldo il Fenomeno, che però quella Champions non aveva potuto giocarla perché fino a gennaio l'aveva disputata con il Real Madrid. La finale di Atene non era stata particolarmente entusiasmante, ma aveva consentito al Milan di chiudere i conti con i fantasmi di Istanbul, battendo proprio il Liverpool. E poi la partita perfetta i rossoneri l'avevano fatta in semifinale, vincendo 3-0 contro il Manchester United di Ferguson e Cristiano Ronaldo. Un'altra storia, un altro Milan.

 

Leggi anche: Il Milan ammette i contatti con Ragnick, sarà rivoluzione?

Leggi tutto su News