TimGate
header.weather.state

Oggi 23 maggio 2022 - Aggiornato alle 04:00

 /    /    /  La quarta dose di vaccino potrebbe non servire
La quarta dose di vaccino potrebbe non servire

- Credit: MARCO PASSARO / Fotogramma

COVID-1917 gennaio 2022

La quarta dose di vaccino potrebbe non servire

di Tina Carlyle

Rasi a Repubblica: "Andrebbe fatta solo ai pazienti immunocompromessi e oncologici"

La quarta dose di vaccino contro il Covid-19 potrebbe non servire. A dichiararlo in un'intervista con Repubblica è Guido Rasi, immunologo dell’università Tor Vergata di Roma oltre che ex direttore dell’Agenzia europea per i medicinali e consulente del commissario per l’emergenza Covid Francesco Figliuolo, che si è detto dubbioso anche sull'eventualità di un richiamo annuale permanente contro il coronavirus.

 

"Non ha senso mantenere il sistema immunitario continuamente attivato. Abbiamo una memoria che ci aiuta anche quando gli anticorpi calano. Forse non sarà in grado di evitare l’infezione, ma la malattia grave sì", ha affermato Rasi. 

 

Una memoria che, secondo l'immunologo, deriva proprio dalla terza dose: “La terza dose, a differenza della quarta, ha un motivazione forte", ha spiegato, illustrando come il booster ci stia "chiaramente proteggendo dai sintomi gravi. Gli anticorpi calano come è naturale che sia. Ma la memoria immunitaria, la risposta cellulare, restano attive ancora oggi. È per questo che ci possiamo contagiare, ma ci ammaliamo meno".

 

Quanto alla quarta dose, la sua somministrazione "ci pone più domande che risposte", ha fatto presente Rasi, che si sente di consigliarla per ora solo "alle persone immunocompromesse, ai pazienti oncologici, a chi ha una riduzione rapida degli anticorpi perché è in dialisi".