Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti, per migliorare l’esperienza di navigazione e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca qui. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

  • News
    • Tutto
    • Italia
    • Esteri
    • Gossip e Celebrità
    • Tecnologia
  • Intrattenimento
    • Tutto
    • Cinema
    • Musica
    • TV
    • Videogames
  • Donna
    • Tutto
    • Moda
    • Mamme e Bambini
    • Salute
  • Sport
    • Tutto
    • Calcio
    • Classifica Serie A TIM
    • Classifica Marcatori Serie A TIM
    • Risultati Serie A TIM
    • Altri Sport
  • Lifestyle
    • Tutto
    • Costume e Società
    • Arredamento
    • Ricette
    • Green
  • Tempo Libero
    • Tutto
    • Viaggi
    • Libri
    • Hobby
    • Come fare
    • Motori
  • Video
    • Tutto
    • Per Conoscere
    • Risorgimento Digitale
    • Divertenti
    • Sport
    • Top Video
  • Servizi
    • Tutto
    • Oroscopo
    • Meteo
    • Mobile Ticketing
  • Personalizza il tuo TIMgate>> Personalizza il tuo TIMgate >>
menu
Oggi 22 aprile 2021 - Aggiornato alle 16:07
Live
  • 16:32 | Buon compleanno Mara Maionchi
  • 16:16 | Clima, Giappone s'impegna a tagliare emissioni del 46% entro 2030
  • 16:07 | Giovanni Scifoni, curiosità e vita privata dell'attore
  • 16:00 | Clima, un viaggio nel futuro per salvare l'Italia che conosciamo
  • 15:44 | Amici 20: i cantanti criticati da Rudy Zerbi
  • 15:30 | A Londra la campagna per il sindaco: Khan contro Bailey
  • 15:22 | I migliori brand di moda sostenibile made in Italy
  • 15:14 | Giornata della Terra 2021, che cos'è e qual è il tema di quest'anno
  • 15:04 | H2O, il ristorante sott’acqua alle Maldive
  • 15:00 | Ue: la neutralità climatica entro il 2050
  • 14:56 | Quali sono le canzoni più ascoltate di Bob Dylan
  • 14:41 | Come scegliere il correttore giusto
  • 12:30 | La gratitudine della regina Elisabetta II
  • 11:37 | Il Bayern su ten Hag per il dopo-Flick
  • 11:27 | Il problema del richiamo al personale sanitario
  • 11:10 | Covid-19: Decreto Riaperture, tutte le disposizioni
  • 11:04 | I posticipi della 32esima giornata
  • 11:00 | Camerette salva spazio, si può fare
  • 11:00 | Un'idea veloce per pranzo? Spaghetti con agretti e pancetta
  • 10:58 | Cosa sta succedendo al confine tra Russia e Ucraina
Quasi metà delle imprese italiane è a rischio - Credit: Pixabay
ECONOMIA E SOCIETÀ 8 aprile 2021

Quasi metà delle imprese italiane è a rischio

di Michela Cannovale

La crisi causata dal Covid-19 ha accentuato ulteriormente il divario tra le aree geografiche

In Italia "circa il 45% delle imprese è strutturalmente a rischio": è la conclusione dell’Istat nel Rapporto 2021 sulla competitività dei settori produttivi. 

 

Il settore turistico è quello più colpito

Ad essere a rischio sono soprattutto nei settori a basso contenuto tecnologico e di conoscenza, in particolar modo le attività legate al turismo. 

 

La percentuale delle aziende che segnalano seri rischi di chiusura è molto alta nelle attività delle agenzie di viaggio (oltre 73%), in quelle artistiche e di intrattenimento (oltre 60%), nell'assistenza sociale non residenziale (circa 60%), nel trasporto aereo (59%), nella ristorazione (55%).

 

In difficoltà anche la filiera della moda, dove sono maggiormente a rischio i settori dell'abbigliamento (oltre 50%), delle pelli (44%) e del tessile (35%).

 

Il divario territoriale

La crisi ha messo in ginocchio soprattutto le imprese di piccola e piccolissima dimensione e ha "accentuato il divario tra le aree geografiche": le più colpite sono le regioni del Centro-Sud, dove la pandemia ha letteralmente "spiazzato" molte realtà lavorative. 

 

In undici regioni, fa presente l'Istat, "almeno la metà delle imprese presenta almeno due di tre criticità che le denotano a rischio alto o medio-alto (riduzione di fatturato, seri rischi operativi e nessuna strategia di reazione alla crisi)". Sette di queste regioni sono nel Mezzogiorno, una al Nord e tre nel Centro Itali.

 

Inoltre, un indicatore territoriale di "rischio combinato" (sintesi del rischio per imprese e addetti) mostra che la crisi "accentua il divario tra le aree geografiche: delle sei regioni il cui tessuto produttivo risulta ad alto rischio", cinque appartengono al Mezzogiorno (Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania e Sardegna) e una al Centro (Umbria).

 

Le sei regioni a rischio basso sono tutte nell'Italia settentrionale: sono Piemonte, Liguria, Lombardia, Emilia-Romagna, Friuli-Venezia Giulia, Provincia autonoma di Trento.

 

Quali aziende non sono in crisi e perché

Solo l'11% delle aziende risulta "solido" e "sarebbe interessato in misura marginale dalla crisi". Si tratta, spiega l'Istat, "di imprese con capitale umano qualificato superiore alla media, maggiori dimensioni economiche (misurate in un’accezione più ampia dei soli addetti), un più intenso utilizzo di tecnologie digitali".

 

- LEGGI ANCHE: Lavoro, in un anno 945mila occupati in meno

 

Il ruolo del lockdown nella contrazione del valore aggiunto 

A novembre 2020, "quasi un terzo delle imprese considerava a rischio la propria sopravvivenza, oltre il 60% prevedeva ricavi in diminuzione e solo una su cinque riteneva di non avere subito conseguenze o di aver tratto beneficio dalla crisi".

 

Le restrizioni imposte con il lockdown, si legge nel rapporto, hanno svolto "un ruolo non marginale nella contrazione del valore aggiunto dei settori italiani" e in Italia il valore aggiunto è "diminuito dell'11,1% nell'industria in senso stretto, dell'8,1% nei servizi, del 6,3% nelle costruzioni e del 6% nell'agricoltura".

 

- LEGGI ANCHE: Lavoro, perché in Italia crescono gli inattivi e perché il dato è importante

- E ANCHE: Coronavirus, le ultime news in Italia e nel mondo

I più visti

Leggi tutto su News