TimGate
header.weather.state

Oggi 18 agosto 2022 - Aggiornato alle 07:15

 /    /    /  Vaccino, perché è importante arrivare a una copertura del 90%
Vaccino, perché è importante arrivare a una copertura del 90%

- Credit: Pixabay

COVID-1926 ottobre 2021

Vaccino, perché è importante arrivare a una copertura del 90%

di Tina Carlyle

È l'unico modo per tenere sotto controllo la diffusione del virus. La spiegazione di Rezza

"Dobbiamo raggiungere e mantenere una copertura vaccinale al di sopra della soglia che noi definiamo immunità di gregge" e cioè "probabilmente del 90%" della popolazione: è l'unico modo per tenere sotto controllo la diffusione del virus in Italia.

 

A dirlo è Giovanni Rezza, direttore generale Prevenzione del ministero della Salute, nel suo intervento al convegno nazionale 'La pandemia vista con gli occhi di…', alla Scuola Grande San Giovanni Evangelista di Venezia.

 

"La domanda che ci facciamo è: che cosa succede adesso nell'inverno? Oggi - ha continuato Rezza - abbiamo una situazione molto buona, anche se ci sono purtroppo ancora casi e 20-30 decessi al giorno, ma siamo tra i Paesi al mondo con la minor incidenza" di Covid-19.

 

"Frutto del fatto che manteniamo le misure, la mascherina al chiuso ad esempio. Cosa accadrà dipende da molti fattori, ma dobbiamo raggiungere e mantenere una copertura vaccinale al di sopra della soglia che noi definiamo immunità di gregge, o di comunità, perché è quello che ci permette di tenere sostanzialmente la trasmissione sotto controllo. E a questa soglia si arriva se raggiungiamo una copertura che, pur variando molto con l'Rt del virus, se" l'indice "è 5-6", è una copertura del "90% probabilmente", ha spiegato.

 

E ancora: "Dobbiamo essere preparati ad una prossima 'malattia X', tra 10 o 50 anni. L'emergenza ci ha insegnato che aspettavamo un'epidemia di influenza ed è arrivata appunto una malattia da 'virus X'. Qualcuno - ha sottolineato ancora Rezza - potrebbe dire che i coronavirus erano talmente diffusi che si poteva immaginare il salto di specie, ma nessuno ci avrebbe scommesso. Abbiamo altri virus, frutto anche dei cambiamenti climatici, che potrebbero assumere dimensione pandemiche. Ma quelli che temiamo di più sono i virus a trasmissione respiratoria", che "sono i più difficili da tenere sotto controllo".

 

Bisogna "avere sempre dispositivi di protezione individuale e attivare tutto ciò che è possibile in termini di contromisure mediche. Dobbiamo pianificare già da ora, per evitare di trovarci di fronte a una nuova emergenza pandemica", ha concluso Rezza.