Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti, per migliorare l’esperienza di navigazione e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca qui. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

  • News
    • Tutto
    • Italia
    • Esteri
    • Gossip e Celebrità
    • Tecnologia
  • Intrattenimento
    • Tutto
    • Cinema
    • Musica
    • TV
    • Videogames
  • People
    • Tutto
    • Gossip e Celebrità
    • Social e Influencer
  • Donna
    • Tutto
    • Moda
    • Mamme e Bambini
    • Salute
  • Sport
    • Tutto
    • Calcio
    • Classifica Serie A TIM
    • Classifica Marcatori Serie A TIM
    • Risultati Serie A TIM
    • Altri Sport
  • Lifestyle
    • Tutto
    • Costume e Società
    • Arredamento
    • Ricette
    • Green
  • Tempo Libero
    • Tutto
    • Viaggi
    • Hobby
    • Come fare
  • Video
    • Tutto
    • Arredamento
    • Come fare
    • Costume e società
    • Divertenti
    • Green
    • Hobby
    • Ricette
    • Sport
    • Tecnologia
    • Top Video
    • Viaggi
    • Risorgimento Digitale
  • Servizi
    • Tutto
    • Oroscopo
    • Meteo
    • Mobile Ticketing
  • Personalizza il tuo TIMgate>> Personalizza il tuo TIMgate >>
menu
Oggi 31 luglio 2021 - Aggiornato alle 13:08
Live
  • 13:08 | Basket, Olimpiadi: l’Italia piega la Nigeria 80-71 e centra i quarti
  • 10:09 | L’argento di Mauro Nespoli nel tiro con l’arco
  • 10:00 | Economia, così cresce la fiducia del paese
  • 09:29 | Ufficiale Matteo Lovato all’Atalanta
  • 09:15 | Covid, Brusaferro: ecco perché dobbiamo muoverci ancora con prudenza
  • 09:03 | I bronzi di Simona Quadarella e Irma Testa
  • 20:26 | Per Rea il futuro è in SBK, ma “mai dire mai alla MotoGP”
  • 19:00 | Covid, monitoraggio Iss: l'Rt è salito a 1,57
  • 18:03 | L’Italvolley maschile vola ai quarti del torneo olimpico
  • 17:00 | Covid, i dati del 30 luglio: il tasso di positività è al 2,67%
  • 16:39 | La variante Delta si diffonde come la varicella
  • 16:09 | Covid, perché la Cina ha accusato gli Usa di terrorismo
  • 16:08 | L'aumento dei contagi a Tokyo: stato d'emergenza fino al 31 agosto
  • 15:32 | Endemia: cosa significa e perché se ne parla
  • 15:30 | Usa, i nuovi provvedimenti di Biden sui vaccini
  • 14:00 | Dal calcio al cinema: 10 motivi per guardare la tv con TIMVISION
  • 12:43 | Djokovic eliminato! Zverev infrange il sogno del Golden Slam
  • 10:43 | Il possibile scambio tra Perisic e Florenzi
  • 10:32 | Chiellini: “Lunedì sarò a Torino per ricominciare”
  • 10:14 | Il bronzo di Lucilla Boari nel tiro con l’arco
I fondi del Next Gen Eu dovrebbero ridurre la diseguaglianza - Credit: mccutcheon/Pixabay
economia e società 8 gennaio 2021

I fondi del Next Gen Eu dovrebbero ridurre la diseguaglianza

di Luigi Gavazzi

La giustizia "intragenerazionale" per un futuro più equo

Nel dibattito sull’uso dei fondi del Next Generation Eu (che erroneamente definiamo Recovery Fund), è entrato il tema della cosiddetta “giustizia intergenerazionale” – Di cosa si tratta? Del fatto che in buona parte sarebbero fondi che andrebbero ad aumentare il debito pubblico italiano che peserà sulle prossime generazioni.

Giustizia intergenerazionale

Come spiega la filosofa Giorgia Serughetti su Domani, la domanda è: “Quanta spesa in deficit è giusto che facciamo oggi se vogliamo difendere gli interessi futuri di chi non ha ancora voce?”.

Giustizia intragenerazionale

È certo una preoccupazione giusta.

Che però, presa di per sé – dice Serughetti –  rischia di mettere in ombra un altro problema fondamentale: quello che alcuni filosofi chiamano di “giustizia intragenerazionale”. 

Vale a dire, è necessario tenere conto anche del rischio di perpetuare l'ingiustizia sociale nel presente. Occuparsi solo di non pesare col debito sulle generazioni future può diventare un alibi per non affrontare il problema della redistribuzione del reddito fra i ceti, qui e ora.

Correggere le diseguaglianze

Quindi è importante decidere di effettuare gli investimenti per correggere le diseguaglianze attuali, altrimenti quello che succederà è che le generazioni future si troveranno in una condizione che riprodurrà le diseguaglianze, avvantaggiando solo una piccola parte di quelle generazioni – “la più ricca, la più protetta”.

La scuola e la natalità

Due esempi di ambiti nei quali intervenire sulle diseguaglianze oggi avrà effetti duraturi sulle prossime generazioni sono quello della scuola e della denatalità. È evidente che l’abbandono scolastico dei giovani oggi condizionerà pesantemente il futuro dei loro figli bloccando ogni possibilità di mobilità sociale. E che l’assenza di politiche in favore della parità di genere  – riduzione delle disuguaglianze tra maschi e femmine – influisce altrettanto pesantemente sulla fecondità.

I più visti

Leggi tutto su News