Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti, per migliorare l’esperienza di navigazione e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca qui. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

  • News
    • Tutto
    • Italia
    • Esteri
    • Gossip e Celebrità
    • Tecnologia
  • Intrattenimento
    • Tutto
    • Cinema
    • Musica
    • TV
    • Videogames
  • Donna
    • Tutto
    • Moda
    • Mamme e Bambini
    • Salute
  • Sport
    • Tutto
    • Calcio
    • Classifica Serie A TIM
    • Classifica Marcatori Serie A TIM
    • Risultati Serie A TIM
    • Altri Sport
  • Lifestyle
    • Tutto
    • Costume e Società
    • Arredamento
    • Ricette
    • Green
  • Tempo Libero
    • Tutto
    • Viaggi
    • Libri
    • Hobby
    • Come fare
    • Motori
  • Video
    • Tutto
    • Risorgimento Digitale
    • Divertenti
    • Sport
    • Top Video
  • Servizi
    • Tutto
    • Oroscopo
    • Meteo
    • Mobile Ticketing
  • Codici Sconto
  • Personalizza il tuo TIMgate>> Personalizza il tuo TIMgate >>
menu
Oggi 18 gennaio 2021 - Aggiornato alle 17:00
Live
  • 16:45 | Mia Tindall ha compiuto sette anni
  • 16:19 | La playlist di TIMMUSIC dedicata a Phil Spector
  • 16:09 | Rebrand Inter, in arrivo un nuovo logo minimal
  • 16:01 | “Frammenti” è il primo singolo in italiano dei Sound Zero, l’intervista
  • 15:52 | Zaniolo positivo al Covid: 'Sono asintomatico e in quarantena'
  • 15:34 | Enrico Ruggeri torna con una canzone per Chico Forti
  • 15:29 | Dan Brown: biografia e i libri più famosi
  • 15:19 | Giulia Begnotti, chi è la moglie di Diego Abatantuono
  • 15:10 | Dipingere in modo ecosostenibile, si può?
  • 15:01 | Qual è il metallo più raro
  • 15:00 | Luci Led in camera da letto, i colori giusti
  • 14:52 | Tartufo più costoso al mondo: qual è
  • 14:46 | Australian Open, nessun trattamento speciale per i tennisti
  • 14:39 | Codice di Hammurabi, cos'è e perché è importante
  • 14:24 | Nomi per cani femmine: belli e originali
  • 14:16 | Messi espulso, rischia un lungo stop
  • 14:15 | Maluma è il primo uomo sulla cover si “Elle”
  • 14:08 | Governo, martedì il voto decisivo al Senato
  • 13:52 | Super Marta Bassino in Gigante a Kranjska Gora
  • 13:11 | Il Manchester City ha messo Lukaku nel mirino
Riduzione del numero dei parlamentari: che cosa significa
RIFORMA COSTITUZIONALE 12 luglio 2019

Riduzione del numero dei parlamentari: che cosa significa

di Luigi Gavazzi

Insidiosa erosione della democrazia rappresentativa

Con una soddisfazione ostentata da parte di Luigi Di Maio, il Senato ha approvato l'11 luglio, in seconda lettura, la legge costituzionale che riduce il numero di parlamentari: 180 favorevoli, 50 contrari, zero astenuti.

Ora il ddl dovrà tornare per la seconda e ultima lettura alla Camera: se  Montecitorio approva, il provvedimento modificherà la composizione del Parlamento in questo modo:
– la Camera passerà da 630 a 400 deputati; – Il Senato da 315 a 200.
 

– LEGGI ANCHE: Riduzione del numero dei parlamentari: cosa prevede la riforma 

 Il (possibile) referendum per confermare 

La Costituzione prevede che una legge costituzionale che non venga approvata dalle Camere con i due terzi deve essere sottoposta a un referendum se ne fanno richiesta un quinto dei membri di una Camera, oppure 500mila elettori o cinque Consigli regionali: qualcuno si faccia avanti, dunque.

 Attacco alla democrazia rappresentativa 

La seconda considerazione: la riforma avrà un effetto negativo sulla democrazia italiana. Perché aggredisce il senso e il valore della democrazia rappresentativa. Come scrive Alessandro De Angelis su "Huffingnton Post":

L'effetto sarà un Parlamento meno rappresentativo e una "democrazia più debole e, come si ama dire oggi, più 'disintermediata', tra leader e popolo. È questo il grimaldello populista, nell’illusione della democrazia diretta. Perché è evidente che si riduce, e non poco il rapporto tra eletti ed elettori, rendendolo meno diretto. Con questa riforma viene enormemente dilatato lo spazio dei collegi elettorali, per cui ogni deputato rappresenterebbe oltre 400.000 abitanti e ogni senatore oltre 800.000. Sono numeri che allentano il rapporto eletti-elettori, che impattano sulla capacità effettiva di presenza nel territorio, sull’esercizio della funzione rappresentativa, sulla possibilità di fare campagne elettorali, in epoca in cui non c’è più il finanziamento pubblico". Il risultato sarà anche un potere ancora più forte delle segreterie dei partiti sui "rappresentanti" degli elettori.

Inoltre, il sistema elettorale verrebbe distorto in senso ulteriormente maggioritario: per eleggere meno parlamentari in collegi più grandi servono più voti. Se la soglia nominale per eleggere un parlamentare resta al 3%, nei collegi plurinominali del Senato,  "in Piemonte e Veneto la soglia implicita sarebbe dell’11 per cento, in Friuli del 25, in Liguria del 33, in Toscana del 14, in Umbria del 25, nelle Marche del 33, In Abruzzo e Sardegna del 33, in Basilicata e Calabria del 25. Nei collegi uninominali, dove chi arriva primo vince, solo i partiti che prendono più del 20 per cento avranno eletti".
Il che, insieme al Referendum propositivo già approvato una volta alla Camera, smonta la democrazia parlamentare disegnata dalla Costituzione e dai sistemi politici liberali.
--
Cfr.: "La controriforma populista", "Huffington Post"
Cfr: "Lega e M5s cambiano la Costituzione. Che fine hanno fatto Zagrebelsky & co?", "Il Foglio".
--
Foto: Luigi Di Maio, Fotogramma

I più visti

Leggi tutto su News