TimGate
header.weather.state

Oggi 04 ottobre 2022 - Aggiornato alle 15:00

 /    /    /  Riemerso a San Casciano un tesoro votivo straordinario
Riemerso a San Casciano un tesoro votivo straordinario

Uno scorcio di San Casciano in provincia di Siena- Credit: Di LigaDue / Wikimedia Commons

ARTE14 agosto 2022

Riemerso a San Casciano un tesoro votivo straordinario

di Maria Verderio

Il ritrovamento è avvenuto nel sito archeologico del Bagno Grande in provincia di Siena durante la settima campagna di scavi

In Toscana, a San Casciano dei Bagni, in provincia di Siena, da anni procedono lavori di scavo che, nelle ultime settimane, hanno permesso agli archeologi di scoprire le dimensioni reali di un santuario che già aveva restituito nel corso delle precedenti campagne oggetti votivi, altari e bassorilievi.

Il santuario

L'archeologo e Professore Jacopo Tabolli ha dichiarato all'Ansa che il santuario è stato oggetto di ben sette campagne di scavi ed era stato fondato dagli etruschi. Nei primi secoli dell'Impero romano era stato rifondato ed era stato reso monumentale.

Il tesoro

All'interno del santuario è stato ritrovato un vero e proprio tesoro composto di monete in argento, oricalco e bronzo e destinate agli dei affinché vegliassero sulla salute dell'imperatore. A rendere unica la scoperta anche un utero in bronzo, omaggio ricorrente per la fertilità, risalente tra la fine della Repubblica e l'inizio dell'Impero romano.

Il sito archeologico

Il santuario è circondato da oltre 40 sorgenti termali che i Medici costruirono nel Cinquecento e un porticato. Presto il sito riceverà ulteriori finanziamenti per poter procedere con nuovi scavi e costruire un museo dedicato unicamente alle scoperte del Bagno Grande.