Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti, per migliorare l’esperienza di navigazione e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca qui. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

  • News
    • Tutto
    • Italia
    • Esteri
    • Gossip e Celebrità
    • Tecnologia
  • Intrattenimento
    • Tutto
    • Cinema
    • Musica
    • TV
    • Videogames
  • Donna
    • Tutto
    • Moda
    • Mamme e Bambini
    • Salute
  • Sport
    • Tutto
    • Calcio
    • Classifica Serie A TIM
    • Classifica Marcatori Serie A TIM
    • Risultati Serie A TIM
    • Altri Sport
  • Lifestyle
    • Tutto
    • Costume e Società
    • Arredamento
    • Ricette
    • Green
  • Tempo Libero
    • Tutto
    • Viaggi
    • Libri
    • Hobby
    • Come fare
    • Motori
  • Video
    • Tutto
    • Risorgimento Digitale
    • Divertenti
    • Sport
    • Top Video
  • Servizi
    • Tutto
    • Oroscopo
    • Meteo
    • Mobile Ticketing
  • Codici Sconto
  • Personalizza il tuo TIMgate>> Personalizza il tuo TIMgate >>
menu
Oggi 02 dicembre 2020 - Aggiornato alle 10:20
Live
  • 14:05 | Operazione Risorgimento Digitale: "Cybersecurity"
  • 10:20 | L’importanza di Lukaku nell’Inter
  • 10:01 | La Gran Bretagna ha approvato il vaccino Pfizer-BionTech
  • 10:00 | Chips di zucca
  • 09:45 | L’Inter è ancora viva, si qualifica se…
  • 09:00 | “Mono Secular Sounds” è il nuovo album di Old Kerry McKee, l’intervista
  • 09:00 | Balene spiaggiate, quali sono le cause
  • 07:02 | EuroLega: l’Olimpia Milano domina l’Alba Berlino e vince 75-55
  • 06:00 | I titoli dei giornali di mercoledì 2 dicembre
  • 00:03 | L’Atalanta sogna il bis, basterà un pari con l’Ajax
  • 23:27 | Il coronavirus può entrare nel cervello passando dal naso
  • 23:07 | Champions, Atalanta, pari con il Midtjylland, ottavi vicini
  • 23:04 | 5 concerti in streaming da non perdere a dicembre
  • 23:00 | Tom Cruise a Roma per girare Mission Impossible 7
  • 22:30 | Regali di Natale per ragazze a prezzi scontati
  • 21:52 | Danimarca-Italia 0-0, speranza qualificazione diretta a Europeo
  • 21:02 | Champions, Real Madrid sconfitto dallo Shakhtar 2-0 e nei guai
  • 20:29 | Mel C, dallo psicologo alla (nuova) reunion delle Spice Girls
  • 20:00 | Zucchine al forno
  • 19:42 | L’adesione di Amazon alla Colletta 2020 del Banco Alimentare
I nodi per la ripartenza della scuola - Credit: Salvatore Laporta / Ipa / Fotogramma
RITORNO IN CLASSE 27 agosto 2020

I nodi per la ripartenza della scuola

di Gianluca Cedolin

Trasporti e mascherine fanno ancora molto discutere

A meno di tre settimane dalla riapertura delle scuole (il 14 settembre), ci sono ancora molti nodi da sciogliere per ripartire in sicurezza, con regioni e governo che devono trovare la quadra su molti aspetti.

I due principali punti di dibattito riguardano il trasporto degli alunni a scuola e le mascherine. Sul trasporto, i governatori chiedono di aumentare la capienza dei mezzi pubblici (e non solo di quelli esclusivamente scolastici, che hanno delle deroghe), altrimenti si rischia di lasciare a piedi il 50% degli studenti.

 

Le idee al vaglio per superare l'impasse sul trasporto sono separatori morbidi tra passeggeri, il controllo della temperatura a bordo, l'ingresso scaglionato a scuola (dalle 7.30 alle 9.30), l'adozione di filtri innovativi per il ricambio dell'aria e l'introduzione del “principio del gruppo abituale esteso ai componenti della stessa classe”. Con quest'ultima opzione, presentata dal presidente della commissione trasporti, si derogherebbe alla distanza minima di un metro sui bus tra alunni, considerandoli di fatto congiunti.

 

Anche sulle mascherine si scontrano regioni e governo, quest'ultimo forte del parere del comitato tecnico-scientifico, la cui linea rimane la stessa: le mascherine si possono togliere quando ci si siede sul banco solamente se si rispetta il metro di distanza (non tutte le aule consentono di farlo), altrimenti dai 6 anni in su vanno tenute tutto il giorno. Un altro dei punti di domanda sulla ripartenza della scuola riguarda invece la fornitura dei banchi, alcuni dei quali potrebbero arrivare a ottobre. I test sierologici per il personale, invece, volontari e gratuiti, procedono a fatica, in una vera e propria corsa contro il tempo per controllare il maggior numero possibile di docenti ed elementi del personale. All'inizio dell'anno ci saranno oltre 200mila supplenti, un record.

 

Leggi anche: Cosa si sa per ora sul ritorno a scuola

I più visti

Leggi tutto su News