Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti, per migliorare l’esperienza di navigazione e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca qui. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

  • News
    • Tutto
    • Italia
    • Esteri
    • Gossip e Celebrità
    • Tecnologia
  • Intrattenimento
    • Tutto
    • Cinema
    • Musica
    • TV
    • Videogames
  • Donna
    • Tutto
    • Moda
    • Mamme e Bambini
    • Salute
  • Sport
    • Tutto
    • Calcio
    • Classifica Serie A TIM
    • Classifica Marcatori Serie A TIM
    • Risultati Serie A TIM
    • Altri Sport
  • Lifestyle
    • Tutto
    • Costume e Società
    • Arredamento
    • Ricette
    • Green
  • Tempo Libero
    • Tutto
    • Viaggi
    • Libri
    • Hobby
    • Come fare
    • Motori
  • Video
    • Tutto
    • Risorgimento Digitale
    • Divertenti
    • Sport
    • Top Video
  • Servizi
    • Tutto
    • Oroscopo
    • Meteo
    • Mobile Ticketing
  • Codici Sconto
  • Personalizza il tuo TIMgate>> Personalizza il tuo TIMgate >>
menu
Oggi 26 novembre 2020 - Aggiornato alle 02:00
Live
  • 23:17 | "The Last of Us" diventa anche una serie tv
  • 23:03 | Camera ardente alla casa Rosada
  • 23:02 | “Predator”, in arrivo un quinto film: i dettagli
  • 23:00 | Champions League, Bayern e Manchester City agli ottavi
  • 22:57 | Champions, Impresa Atalanta, vince 2-0 a Liverpool
  • 22:56 | Champions, Inter-Real 0-2, qualificazione lontanissima
  • 22:08 | I due virus "parenti stretti" del SARS-CoV-2
  • 21:00 | Platini: 'E' il nostro passato che se ne va'
  • 20:45 | Il nuovo EP del fenomeno POWFU è su TIMMUSIC
  • 20:24 | Cosa sappiamo del nuovo disco di Ornella Vanoni
  • 20:23 | Ferlaino: 'Per lui strappai un assegno in bianco'
  • 20:15 | Bruscolotti: 'Napoli perde un figlio. Lutto in tutto il mondo'
  • 20:12 | Nessuna parola dalla Juve solo il video della punizione del 1985
  • 19:53 | Totti: 'Hai scritto la storia del calcio... Ciao Diego'
  • 19:40 | "Folklore: The Long Pond Studio Sessions" di Taylor Swift è su TIMMUSIC
  • 19:35 | TikTok segnalerà i video che possono causare crisi epilettiche
  • 19:26 | De Laurentiis: 'Potremmo chiamare stadio San Paolo-Maradona'
  • 19:23 | Leo Messi: 'Ci lascia Maradona ma non se ne va perché eterno'
  • 19:15 | 'Sulla ma lapide scriverei Grazie per aver giocato a calcio'
  • 19:15 | Elon Musk ora è il secondo uomo più ricco al mondo
Le scuole superiori non riapriranno prima del 2021 - Credit: Claudio Fusi / Fotogramma
didattica a distanza 22 novembre 2020

Le scuole superiori non riapriranno prima del 2021

di Gianluca Cedolin

Il 7 gennaio potrebbe essere la data per tornare in classe

Molti studenti italiani delle superiori rischiano di non rientrare in classe prima dell’inizio del 2021: attualmente a casa in tutta Italia (con l’aggiunta di seconde e terze medie nelle regioni rosse), difficilmente torneranno a scuola prima del 7 gennaio, ha scritto La Repubblica.

Il quotidiano parla di tre grandi questioni a cui siamo arrivati impreparati il 14 settembre, giorno di riapertura delle scuole: i trasporti, il tracciamento dei contagi interni e le troppe assenze dei docenti (soprattutto a causa di un arruolamento “fallimentare”). Su questi tre campi dovranno lavorare la ministra dell’Istruzione, il governo, il Cts e i presidi, per provare almeno a riaprire dopo le feste natalizie, e tirare dritti fino a giugno.

 

I decreti attualmente in vigore scadono il 3 dicembre, quindi volendo, magari in base alla regione e al ciclo scolastico, si potrebbe riaprire il 4. Essendo un venerdì, e con il successivo ponte dell’8 dicembre (che cade di martedì), a quel punto si slitterebbe al 9. Ha senso aprire per due settimane, dal 9 al 22, con la situazione epidemiologica ancora critica e soprattutto senza aver lavorato per migliorare i problemi di cui sopra? Probabilmente no, ragion per cui la data del 7 gennaio sembra quella probabile per il ritorno in aula. Il presidente dell’Associazione presidi laziale, Mario Rusconi, mette in guardia sugli ipotizzati giorni di allentamento delle misure pre-Natale: “Non ce li possiamo permettere”, ha detto alla Repubblica. Un’altra impennata dei contagi, infatti, potrebbe far slittare ulteriormente l’apertura delle scuole. 

 

Molti studenti negli ultimi dieci mesi hanno passato un solo mese a scuola, in Campania addirittura due settimane. Un problema su cui anche il Comitato tecnico-scientifico ha unanimemente detto che bisogna intervenire tempestivamente: “Le chiusure hanno un impatto negativo sulla salute dei ragazzi alterando il loro benessere affettivo e sociale e dovrebbero essere considerate come l'ultimo provvedimento, temporaneo e solo locale, nel caso in cui l'epidemia non possa essere gestita con diverso approccio". E invece, purtroppo, spesso sono ancora gli studenti a essere sacrificati.

I più visti

Leggi tutto su News