TimGate
header.weather.state

Oggi 05 ottobre 2022 - Aggiornato alle 05:00

 /    /    /  Forti scosse di terremoto in Liguria e nelle Marche
Forti scosse di terremoto in Liguria e nelle Marche

Sismografo- Credit: Letizia Mantero / Fotogramma

ITALIA22 settembre 2022

Forti scosse di terremoto in Liguria e nelle Marche

di Silvia Marchetti

La terra trema anche in Abruzzo, Toscana ed Emilia

Non c'è pace per i marchigiani. Dopo la terribile alluvione che ha portato danni incalcolabili in diversi comuni della provincia di Ancona e di Pesaro-Urbino e la morte di 11 persone (oltre a due dispersi), la zona di Ascoli Piceno è stata colpita, il 22 settembre, da una serie di terremoti che hanno spaventato la popolazione. Ma la terra trema anche in Abruzzo, Liguria, Toscana ed Emilia-Romagna. Ecco cosa è successo in queste zone.

 

Leggi anche: Il governo ha deliberato lo stato di emergenza per le Marche

 

Paura nelle Marche

Due forti scosse, di magnitudo 4.1 e 3.6, sono state registrate alle 12.30 circa a Folignano, in provincia di Ascoli Piceno, con epicentro a 8 chilometri dal capoluogo. Secondo l'Ingv (l'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia) hanno avuto una profondità di 24 chilometri. Subito dopo si sono verificate altre scosse di assestamento.

 

Un altro sisma di magnitudo 2.5 è stato registrato in Abruzzo, con epicentro a 3 km da Civitella del Tronto (Teramo) alle 12.35. Le autorità locali hanno deciso di evacuare, per precauzione, gli alunni delle scuole primarie della provincia. 

 

Dalle prime verifiche effettuate, non sono stati segnalati danni a persone o cose, ma la paura è tanta tra i cittadini, già provati per quanto accaduto appena una settimana fa. 

 

Quando sono state avvertite le prime due scosse di terremoto, gli abitanti di Ascoli Piceno si sono riversati in strada. Anche alcune scolaresche, come quelle della scuola media ''Cantalamessa'', si sono radunate nel campetto dell'istituto. Sospesa la circolazione dei treni lungo la linea ferroviaria Ascoli Piceno-Porto d'Ascoli. Trenitalia ha predisposto il servizio sostituivo con autobus.

 

Scosse in Liguria, Emilia e Toscana

Momenti di panico anche a Genova, dove la terra ha tremato intorno alle 15.40. La scossa, secondo quanto riporta il sito Ingv, è stata di magnitudo 4.1, nitidamente avvertita in centro città e perfino a Milano (come dimostrano le tante segnalazioni sui social).

 

A Genova, moltissime persone sono uscite da banche, negozi e uffici, e dal palazzo della Regione Liguria. Dalle 15.50 il traffico ferroviario è sospeso. Pietre e calcinacci si sono staccati da una chiesa di Pieve Ligure, a 7 km dall'epicentro.

 

Una scossa di terremoto, seguita da un'altra di minore intensità, si è verificata in Emilia poco prima delle 17.50, nel Modenese, nella zona dell'Appennino al confine con la provincia di Lucca. Secondo l'Ingv la magnitudo della prima è stata di 3.8, a 8 chilometri da Pievepelago (Modena). Circa un minuto dopo è stata registrata un'altra scossa, di 3.2 di magnitudo, a 8 chilometri da Fosciandora (Lucca).