TimGate
header.weather.state

Oggi 17 maggio 2022 - Aggiornato alle 06:00

 /    /    /  "La scuola ha riaperto e non c'è stato alcun disastro"
"La scuola ha riaperto e non c'è stato alcun disastro"

- Credit: Stefano Carofei / Fotogramma

COVID-1916 gennaio 2022

"La scuola ha riaperto e non c'è stato alcun disastro"

di Tina Carlyle

Lo ha detto il ministro dell'Istruzione, annunciando altre novità sul rientro in classe dei guariti

Intervenuto a Radio24 a una settimana dal rientro in classe dopo la pausa natalizia, il ministro dell'Istruzione Patrizio Bianchi ha affermato che "non c'è stato il famoso disastro che ci doveva essere con la riapertura della scuola" che invece i presidi temevano.

 

"Ci sono stati disagi differenziati zona per zona, ma la scuola ha riaperto e si è affermata la convinzione che la scuola sia un elemento fondante: è la priorità, un diritto", ha detto Bianchi.

 

"Quello che è stato evidente in questa settimana è che nella stragrande parte del Paese non solo si è tornati a scuola, ma si è ritrovato il valore della scuola in presenza", ha proseguito il ministro, ribadendo che "io non faccio guerre di religione contro la Dad: questa funziona se è parte integrante di un progetto didattico, non se è l'alternativa o il surrogato della scuola".

 

"Abbiamo ripristinato questo principio della scuola in presenza, come comunità, come diritto e dall'altra parte abbiamo verificato - ha aggiunto - la possibilità anche di utilizzare strumenti a distanza come parte integrante e integrativa di un progetto didattico".

 

Bianchi ha infine riferito che il governo sta portando avanti una "riflessione" per semplificare la certificazione per il rientro a scuola degli alunni che sono stati contagiati dal Covid e sono guariti. Tra le ipotesi, ha spiegato, c'è anche la certificazione di fine malattia rilasciata dai pediatri, come già avviene per le altre patologie.