TimGate
header.weather.state

Oggi 10 agosto 2022 - Aggiornato alle 12:00

 /    /    /  Tutta l'Italia è in rosso scuro nella mappa dell'Ecdc
Tutta l'Italia è in rosso scuro nella mappa dell'Ecdc

- Credit: Pixabay

COVID-1913 gennaio 2022

Tutta l'Italia è in rosso scuro nella mappa dell'Ecdc

di Tina Carlyle

Così come il resto dell'Europa occidentale e meridionale

Tutta l'Italia è ora colorata in rosso scuro nella mappa dell'Ecdc, il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie che monitora la situazione epidemiologica del Covid-19 nei Paesi dell’Unione europea aggiornando i colori ogni due settimane.

 

I monitoraggi dell'ente si basano su tre indicatori: l’incidenza dei nuovi casi di persone positive ogni 100mila abitanti negli ultimi quattordici giorni, la percentuale di tamponi eseguiti e il tasso di positività. Si entra in rosso scuro quando l’incidenza supera i 500 casi ogni 100mila abitanti, ossia quando il rischio di contagio raggiunge i livelli massimi.

 

Il Belpaese, comunque, non è da solo. Così come la penisola italiana sono in rosso scuro tutti gli altri paesi dell'Europa occidentale e meridionale.

 

Solo la Romania, una parte dell'Ungheria e la maggior parte della Polonia sono in rosso, colorazione che indica una fascia di rischio un po' meno grave rispetto alla sua gradazione più scura (quindi quando il tasso cumulativo di casi Covid a 14 giorni varia da 75 a 200 ed il tasso di positività al test per l'infezione è pari o superiore al 4%, oppure ancora se il tasso cumulativo dei casi a 14 giorni è superiore a 200 ma inferiore a 500).