• News
    • Tutto
    • Italia
    • Esteri
    • Tecnologia
    • Gossip e Celebrità
    • Spazio Solidale
  • Intrattenimento
    • Tutto
    • Cinema
    • Musica
    • TV
    • Videogames
  • People
    • Tutto
    • Gossip e Celebrità
    • Social e Influencer
  • Donna
    • Tutto
    • Moda
    • Mamme e Bambini
    • Salute
  • Sport
    • Tutto
    • Calcio
    • Classifica Serie A TIM
    • Classifica Marcatori Serie A TIM
    • Risultati Serie A TIM
    • Altri Sport
  • Lifestyle
    • Tutto
    • Costume e Società
    • Arredamento
    • Ricette
    • Green
  • Tempo Libero
    • Tutto
    • Viaggi
    • Hobby
    • Come fare
  • Video
    • Tutto
    • Arredamento
    • Come fare
    • Costume e società
    • Divertenti
    • Green
    • Hobby
    • Moda
    • Ricette
    • Sport
    • Tecnologia
    • Top Video
    • Viaggi
    • Risorgimento Digitale
  • Servizi
    • Tutto
    • Oroscopo
    • Meteo
    • Mobile Ticketing
  • Personalizza il tuo TIMgate>> Personalizza il tuo TIMgate >>
menu
Oggi 18 gennaio 2022 - Aggiornato alle 22:37
News
  • 17:50 | Covid, i dati del 18 gennaio: tasso di positività al 15,4%
  • 17:41 | Perché l'Indonesia cambierà la capitale
  • 17:00 | A Fabriano la mostra sulla pittura del Trecento marchigiano
  • 16:50 | Conferenza annuale Esa, Aschbacher: in autunno i nuovi astronauti
  • 16:21 | Haiti a 12 anni dal terremoto
  • 14:58 | Inter, in due salutano: Sensi alla Samp e Vecino alla Lazio
  • 13:51 | L'addio di D'Aversa: 'Derby e media salvezza non sono bastati'
  • 13:34 | Chi è la nuova presidente del Parlamento europeo
  • 12:11 | Australian Open, Sinner non sbaglia e vola al secondo turno
  • 12:09 | In quali negozi NON servirà il Green Pass
  • 11:53 | Le “Creature Fantastiche” popolano gli Uffizi di Firenze
  • 11:49 | La cerimonia in ricordo di Sassoli, a Strasburgo
  • 11:15 | Scuola e Covid, i presidi lamentano "enormi difficoltà gestionali"
  • 10:40 | Il nuovo record di dosi settimanali
  • 10:31 | La Juve vuole subito un nuovo centrocampista
  • 10:22 | Il terremoto in Afghanistan
  • 09:58 | La gran vittoria della Fiorentina sul Genoa (6-0)
  • 08:53 | La Cina annulla la vendita dei biglietti per l’Olimpiade invernale
  • 08:37 | Il Napoli vince a Bologna e sale in classifica
  • 08:21 | Un errore arbitrale e il Milan perde con lo Spezia
L'università italiana ha ancora pochi iscritti e pochi laureati - Credit: scahamaendels/unsplash
società 7 dicembre 2021

L'università italiana ha ancora pochi iscritti e pochi laureati

di Carlo Savelli

Siamo al penultimo posto nell'Unione europea. Le conseguenze economiche e culturali

Sorprendono sempre i dati relativi agli studi universitari in Italia.

Perché nel nostro paese il numero di laureati è ancora troppo basso. 

 

Eurostat, la Banca dati della Commissione europea, spiega l'Essenziale del 4 dicembre, indica che nel 2020 in Italia le persone laureate nella fascia  dai 25 ai 34 anni sono il 28,9%.

Se vi sembrano tante, tenete conto che in Francia sono il 49,4%;

–e in Spagna il 47,4%;

–in Germania il 35,1%.

—-

LEGGI ANCHE:

Inflazione, un semplice punto della situazione

Lavoro, la ripresa è precaria

In Italia l'aumento dell'occupazione ha riguardato solo gli uomini

Economia, la ripresa forte dell'Italia

—---

 

L'Italia in effetti è al penultimo posto nell'Unione europea, seguita solo dalla Romania che vanta il 24,9% dei laureati nella fascia di età indicata prima.

La media dei paesi Ue è del 40,5%.

 

Due sono le considerazioni principali che è il caso di fare.

La prima è di natura economica, e riguarda il funzionamento complessivo del paese.

Perché tutti gli economisti prevedono che l'Italia avrà difficoltà a reclutare personale nei processi produttivi, in particolare ingegneri e tecnici con titoli scientifici. Ma questa scarsità si ripercuoterà anche sulla disponibilità di docenti in queste materie.

 

La seconda è una considerazione più culturale. Perché un numero basso di laureati significa forse anche un numero insufficiente di persone preparate ad affrontare la complessità del mondo, non solo nei luoghi di lavoro.

 

Infine, resta anche il dubbio che l'accesso all'università e il completamento del ciclo di studi sia ancora una questione di ceto, sia il frutto di una autoselezione delle ambizioni. Basti sottolineare che fra i nuovi immatricolati nell'anno 2020-2021 il 64% ha un titolo liceale, il 27% un diploma di istituto tecnico e il 9% uno professionale.

I più visti

Leggi tutto su News