TimGate
header.weather.state

Oggi 03 luglio 2022 - Aggiornato alle 19:10

 /    /    /  Un vaccino contro il vaiolo delle scimmie esiste già
Un vaccino contro il vaiolo delle scimmie esiste già

- Credit: Pixabay

SALUTE24 maggio 2022

Un vaccino contro il vaiolo delle scimmie esiste già

di Michela Cannovale

Nel Regno Unito è già partita la campagna di immunizzazione

È sempre più al centro dell'attenzione il vaiolo delle scimmie, patologia causata dal virus Monkeypox e cha ha ormai coinvolto un centinaio di casi confermati tra Europa e Stati Uniti. La malattia è generalmente rara nonostante sia endemica in alcuni Paesi africani (li abbiamo elencati qui); i sintomi sono molto vicini a quelli del vaiolo umano, ma di solito più lievi.

 

Sono attualmente quattro in Italia i contagi accertati di vaiolo delle scimmie. Dal 1981 nessuno è stato più vaccinato per il vaiolo umano che, a detta di molti esperti, sarebbe una copertura sufficiente per questo "parente" patogeno.

 

Come ha spiegato il virologo e docente all'Università Statale di Milano Fabrizio Pregliasco in un'intervista con l'AdnKronos Salute, "contro il Covid-19 si è fatto in fretta a sviluppare un vaccino", nonostante si trattasse di un virus nuovo.

 

"Nel caso del vaiolo delle scimmie, invece, siamo avvantaggiati", e non solo perché il Monkeypox è già noto. Infatti, ha proseguito Pregliasco, "già esiste un vaccino registrato, nonostante non sia ancora prodotto in grandi quantità. In base a come evolverà la situazione, dunque, si potrà valutare" se e nei confronti di chi procedere all'immunizzazione tramite farmaco.

 

"In questo momento, alla luce di quella che per ora resta una diffusione limitata, io credo che sia molto precoce pensare a una necessità di vaccinazione dei giovani", cioè di coloro non coperti dalla vaccinazione contro il vaiolo umano, sospesa in Italia nel 1981.

 

Nel Regno Unito è già partita la campagna vaccinale contro il vaiolo delle scimmie

Il Regno Unito, comunque, preferisce non rischiare che la patologia dilaghi e ha già fatto partire la campagna vaccinale.

 

L'Agenzia per la sicurezza sanitaria (Ukhsa) ha infatti annunciato nel suo ultimo aggiornamento sul Monkeypox che "è in corso la vaccinazione dei contatti ad alto rischio" per il vaiolo delle scimmie. "Fino alle 10 del 23 maggio, oltre 1.000 dosi di vaccino anti-vaiolo Imvanex sono state fornite, o stanno per esserlo, alle strutture del Servizio sanitario nazionale". "Nel Regno Unito - viene precisato - rimangono oltre 3.500 dosi di Imvanex".

 

- LEGGI ANCHE: Vaiolo delle scimmie: cosa dicono allo Spallanzani