Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti, per migliorare l’esperienza di navigazione e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca qui. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

  • News
    • Tutto
    • Italia
    • Esteri
    • Gossip e Celebrità
    • Tecnologia
  • Intrattenimento
    • Tutto
    • Cinema
    • Musica
    • TV
    • Videogames
  • People
    • Tutto
    • Gossip e Celebrità
    • Social e Influencer
  • Donna
    • Tutto
    • Moda
    • Mamme e Bambini
    • Salute
  • Sport
    • Tutto
    • Calcio
    • Classifica Serie A TIM
    • Classifica Marcatori Serie A TIM
    • Risultati Serie A TIM
    • Altri Sport
  • Lifestyle
    • Tutto
    • Costume e Società
    • Arredamento
    • Ricette
    • Green
  • Tempo Libero
    • Tutto
    • Viaggi
    • Hobby
    • Come fare
  • Video
    • Tutto
    • Arredamento
    • Come fare
    • Costume e società
    • Divertenti
    • Green
    • Hobby
    • Ricette
    • Sport
    • Tecnologia
    • Top Video
    • Viaggi
    • Risorgimento Digitale
  • Servizi
    • Tutto
    • Oroscopo
    • Meteo
    • Mobile Ticketing
  • Personalizza il tuo TIMgate>> Personalizza il tuo TIMgate >>
menu
Oggi 31 luglio 2021 - Aggiornato alle 22:00
Live
  • 18:10 | L’Italvolley femminile cede alla Cina
  • 18:05 | Hamilton torna in pole position in Ungheria
  • 18:00 | Covid, i dati del 31 luglio: il tasso di positività è al 2,5%
  • 17:40 | G20 della Cultura al Colosseo, che cos'è la "Dichiarazione di Roma"
  • 15:30 | L'Italia è in fiamme da nord a Sud, roghi in tutto il Paese
  • 15:26 | Vaccino, la terza dose "a 12 mesi dalla seconda"
  • 15:13 | I possibili tamponi a prezzo calmierato
  • 13:08 | Basket, Olimpiadi: l’Italia piega la Nigeria 80-71 e centra i quarti
  • 10:09 | L’argento di Mauro Nespoli nel tiro con l’arco
  • 10:00 | Economia, così cresce la fiducia del paese
  • 09:29 | Ufficiale Matteo Lovato all’Atalanta
  • 09:15 | Covid, Brusaferro: ecco perché dobbiamo muoverci ancora con prudenza
  • 09:03 | I bronzi di Simona Quadarella e Irma Testa
  • 00:15 | Basket, NBA draft: la prima scelta assoluta è Cunningham (Detroit)
  • 20:26 | Per Rea il futuro è in SBK, ma “mai dire mai alla MotoGP”
  • 19:00 | Covid, monitoraggio Iss: l'Rt è salito a 1,57
  • 18:03 | L’Italvolley maschile vola ai quarti del torneo olimpico
  • 16:39 | La variante Delta si diffonde come la varicella
  • 16:09 | Covid, perché la Cina ha accusato gli Usa di terrorismo
  • 16:08 | L'aumento dei contagi a Tokyo: stato d'emergenza fino al 31 agosto
Torino, pride per la legge Zan Torino, pride per la legge Zan - Credit: Costantino Sergi / Fotogramma
DIRITTI CIVILI 22 giugno 2021

La nota del Vaticano contro il ddl Zan sull'omofobia

di Michela Cannovale

Consegnata al governo Draghi: "Così l'Italia viola il Concordato"


Alla fine anche il Vaticano si è espresso a proposito del ddl Zan.

A sfavore. Secondo una nota ufficiale della Segreteria di Stato, infatti, il decreto legge contro l’omotransfobia da mesi all’esame del Senato violerebbe parzialmente l’accordo di revisione del Concordato tra Stato e Chiesa (firmato a Villa Madama da Bettino Craxi e dal cardinale Agostino Casaroli nel 1984).

 

A comunicare questa nota all’ambasciata italiana della Santa Sede è stato Paul Richard Gallagher, segretario per i rapporti con gli Stati della Segreteria. “

Alcuni contenuti attuali della proposta legislativa in esame presso il Senato – ha detto Gallagher – riducono la libertà garantita alla Chiesa Cattolica dall’articolo 2, commi 1 e 3 dell’accordo di revisione del Concordato”.

Nello specifico, il comma 1 garantisce alla Chiesta “libertà di organizzazione, di pubblico esercizio di culto, di esercizio del magistero e del ministero episcopale”, e il comma 2 assicura “ai cattolici e alle loro associazioni e organizzazioni la piena libertà di riunione e di manifestazione del pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione”.

 

In base a questi commi, il ddl, istituendo una Giornata nazionale contro l’omofobia, costringerebbe anche le scuole private cattoliche ad organizzare qualche attività in occasione della Giornata. E, in generale, comprometterebbe la libertà di pensiero dei cattolici.

 

Cosa succede adesso

La nota è stata consegnata presso il Ministero degli Esteri lo scorso 17 giugno, ma secondo Il Corriere della Sera non è ancora passata all’esame del premier Mario Draghi e del Parlamento.

 

Open ricorda che il Vaticano non era mai intervenuto per bloccare o promuovere una legge. E non è neanche la prima volta che lo fa nei confronti del ddl Zan. Era già successo nel 2020, quando la Conferenza Episcopale Italiana aveva dichiarato che “esistono già adeguati presidi con cui prevenire e reprimere ogni comportamento violento o persecutorio”. E il presidente Gualtieri Bassetti aveva affermato: “Una legge che intende combattere la discriminazione non può e non deve perseguire l’obiettivo con l’intolleranza”.

 

Cosa succede adesso? Se davvero vi fosse una violazione, le regole prevedono che venga attivata la “commissione paritetica”, istituita per la soluzione di alcune questioni interpretative e applicative delle norme relative ai beni e agli enti ecclesiastici, e deputata a “trovare una soluzione amichevole”.

 

Cos’è il ddl Zan

Il ddl, intitolato “Misure di prevenzione e contrasto della discriminazione e della violenza per motivi fondati sul sesso, sul genere, sull’orientamento sessuale, sull’identità di genere e sulla disabilità”, prevede la reclusione fino a 18 mesi o una multa fino a 6.000 euro per chi commette o istiga ad atti di discriminazione e pene più severe per chi istiga o commette violenza, o per chi partecipa a organizzazioni che incitano a discriminazione o violenza.

 

Per un’analisi più completa del testo rimandiamo ai seguenti articoli:

 

Cosa prevede esattamente il ddl Zan

Omostransfobia, Zan: "Il mio ddl tenuto in ostaggio da Ostellari"

Ddl Zan, la manifestazione nazionale a Roma

Presidio no-ddl Zan a Milano, polizia blocca alcuni contestatori

Enrico Letta difende il ddl Zan contro l'omotransfobia

 

---

 

 

I più visti

Leggi tutto su News