TimGate
header.weather.state

Oggi 19 agosto 2022 - Aggiornato alle 11:52

 /    /    /  Una onlus che sa ascoltare il grido del disagio giovanile
Una onlus che sa ascoltare il grido del disagio giovanile

- Credit: Credits: Nuovi Orizzonti / Ass. di Vol. Insieme Verso Nuovi Orizzonti ODV

Nuovi Orizzonti20 febbraio 2022

Una onlus che sa ascoltare il grido del disagio giovanile

di Redazione

A fianco dei ragazzi, contro dipendenze e disagio

 

“Sapete cosa si prova ad essere costretti a tenere la testa dentro al water mentre altri tirano lo sciacquone? Io sì. Alle elementari, e poi anche alle medie, ho subito ripetuti atti di bullismo, con violenze fisiche e psicologiche da parte di compagni coetanei e più grandi. Io ero solo e incapace di difendermi….” 

 

Questa è la storia di Marco (il nome è di fantasia), un ragazzo di buona famiglia che, suo malgrado, diventa vittima di bullismo a scuola, dove viene ripetutamente picchiato. Cresce con una grande rabbia dentro che lo consuma. L’unico anestetico è l’alcool, di cui comincia ad abusare da giovanissimo.

A casa è ingestibile: combina un guaio dietro l’altro. Finché i genitori non lo buttano fuori. All’inizio, vive per strada e sta anche bene, ha un fisico forte e sperimenta la libertà del “faccio come mi pare”, ma a un certo punto finisce i soldi e il fisico non regge più. Per sopravvivere, è costretto a prostituirsi.

Da quell’inferno in cui è caduto, riesce a gridare aiuto e, grazie al cammino comunitario proposto da Nuovi Orizzonti e all’incontro con la fede, rinasce.

L’inferno che vive il mondo giovanile è oggi drammatico. L’80% dei giovani sono vittime di polidipendenze: uso e abuso di sostanze stupefacenti, uso e abuso di alcol, dipendenza da Internet, anoressia o bulimia, depressione per mancanza di senso e di valori, ludopatia e social addiction, pornografia.

Quasi 2 milioni di minori in Italia soffrono di disturbi neuropsichici. Il 40% delle diagnosi sono di ansia e depressione.

Ogni giorno 3 giovani si tolgono la vita
: i suicidi sono la seconda causa di morte tra gli adolescenti europei, e le restrizioni dovute alla pandemia hanno accelerato questo trend. 

Su questo tema nel 2018 Chiara Amirante, fondatrice di Nuovi Orizzonti ha scritto il libro Il grido inascoltato. SOS giovani, edizioni Orizzonti di Luce, che offre una panoramica estesa dei dati sul disagio giovanile e racconta l’esperienza vissuta da Nuovi Orizzonti per farsi risposta concreta a loro, i giovani, e al loro grido.

 

Nuovi Orizzonti è da 25 anni impegnata nell’accoglienza e sostegno di giovani vittime di disagio in diversi contesti. Individua i suoi punti di forza nell’ascolto profondo, la creazione di un clima di fiducia che genera stima di sé e fiducia nei propri mezzi, il percorso di conoscenza di sé e guarigione del cuore per vivere liberi da condizionamenti, attivando positivamente le persone come protagoniste responsabili e consapevoli del proprio futuro.

Sono migliaia i giovani che hanno potuto ritrovare la vita come Marco, o “semplicemente” trovare quell’ascolto capace di guardare in profondità, accogliere le difficoltà e infondere coraggio per vivere la vita in pienezza mettendo a frutto le proprie capacità.

 

Tanti i progetti messi in campo negli anni, oggi con i “Punti Gioia” si punta al potenziamento delle competenze educative attraverso formazione online rivolta a operatori della rete creata da Nuovi Orizzonti e al potenziamento degli spazi “Punti Gioia” per contrastare la povertà educativa e l’abbandono scolastico attraverso attivazione di attività di aggregazione e laboratori creativi, sportivi, multimediali, contatto con la natura volti a valorizzare i talenti.

Dal 20 al 27 febbraio è possibile sostenere i Punti Gioia e le attività di Nuovi Orizzonti con una semplice telefonata da rete fissa o SMS al 45598 e dare insieme una risposta al mondo giovanile che grida aiuto.  

>>> Scopri come puoi aiutare Nuovi Orizzonti

 

Il valore della donazione è di 2 euro per ciascun SMS inviato da cellulari WindTre, TIM, Vodafone, Iliad,
PosteMobile, Coop Voce, Tiscali.
È di 5 o 10 euro per le chiamate da rete fissa TIM, Vodafone, WindTre, Fastweb e Tiscali e, sempre per la rete fissa, di 5 euro da Twt, Convergenze, PosteMobile.
 

----

Le fonti dei dati citati in questo articolo: 

 

- Rapporto Eures del 2/12/2021:  “Smartphone addiction: vissuto dei giovani e strumenti di contrasto” 

 

- Relazione annuale al Parlamento sul fenomeno delle tossicodipendenze in Italia - Anno 2020 

 

- Congresso Nazionale della Società Italiana di Neuropsichiatria dell'Infanzia e dell'Adolescenza (Sinpia)

 

- Rapporto Unicef “La Condizione dell’infanzia nel mondo- Nella mia mente: promuovere, tutelare e sostenere la salute mentale dei bambini e dei giovani”