TimGate
header.weather.state

Oggi 19 agosto 2022 - Aggiornato alle 03:00

 /    /    /  Il gran lavoro dei francescani per salvare i profughi
Il gran lavoro dei francescani per salvare i profughi

- Credit: Ufficio Stampa Basilica San Francesco Assisi

Guerra in Ucraina17 aprile 2022

Il gran lavoro dei francescani per salvare i profughi

di Redazione

Frati in Ucraina per portare cibo, medicine e assistenza a chi scappa dalle bombe


Sulle pagine di TIM Gate continuiamo a raccontare il grande lavoro che 15 francescani stanno compiendo, in questi giorni, nei conventi dell’Ucraina, aiutando famiglie e persone sole a trovare riparo dalla tempesta della guerra. I frati accolgono e assistono i profughi. Spesso riescono a portarli in salvo oltre il confine, verso luoghi dove c’è ancora la pace.

A Boryspol - con l’Armata russa oramai soltanto a una trentina di chilometri di distanza - c'è padre Andrzej, che nella stazione dei treni ferroviaria di Przemyśl soccorre i rifugiati e gli spiega come raggiungere la Polonia e da lì il resto d’Europa.
Padre Aleksander e fra Grzegorz si occupano dei malati: gli offrono cure, abiti, cibo, ospitalità, e la consolazione di cui ha bisogno chi fugge da una guerra.

 

A Mackowce, frati e suore prestano il loro sostegno ai poveri, trasportano gli aiuti umanitari dove necessario, conducono le persone verso città ucraine più sicure o al di là della frontiera occidentale. Qui hanno anche attivato un asilo, dove i bambini possano imparare a cantare, suonare, provare a sorridere.

 

Nel convento di Kremenchuk, fra Piotr e fra Marian organizzano pasti per chi non ha più una casa nè altro, e per i soldati che difendono il territorio.

 

A Bolszowce in questo momento cinque frati stanno ospitando nel convento più di ottanta persone. E da qui organizzano il trasferimento degli aiuti umanitari verso altre regioni dell'Ucraina e il trasporto di persone attraverso i confini.

 

A Leopoli, i frati accolgono le persone in fuga verso Ovest, che possono soggiornare nella casa a fianco della chiesa di Sant’Antonio, e quindi, dopo il riposo, da qui partire per la Polonia.

 

La Custodia Francescana di Ucraina coordina anche la distribuzione di generi di prima necessità in arrivo dall’estero ad altre congregazioni religiose nel Paese.


Se qualcuno vuole dare una mano ai frati e alle persone da loro assistite in Ucraina, c’è un modo semplice e rapido: inviare al numero 45515 un SMS (2 euro) o una chiamata da numero fisso (5 o 10 euro). Maggiori dettagli sul sito ufficiale dei francescani.