TimGate
header.weather.state

Oggi 16 agosto 2022 - Aggiornato alle 18:45

 /    /    /  Volontaria si nasce o si diventa
Volontaria si nasce o si diventa

- Credit: Aditya Romansa / Unsplash

Italia23 dicembre 2021

Volontaria si nasce o si diventa

di Redazione

Storia di due amiche e un neonato guarito dalla Malattia di Kawasaki

 

Questa è la storia di una ragazza di nome Martina, giovane, insicura e alla ricerca di uno scopo nella sua vita.

Le giornate quotidiane di Martina scorrono normali, con gli impegni tipici di una ragazza di vent’anni: gli studi universitari, gli amici, l’amore, il divertimento, la ricerca di un “lavoretto” per piccole spese in autonomia.

Martina, d’altronde, è sempre stata particolarmente empatica e sensibile verso le persone in difficoltà, valori appresi dai suoi genitori, ma non ha ancora mai incontrato il mondo del volontariato. 

Un giorno, improvvisamente, la sua vita da ventenne viene scossa. Martina riceve una notizia sconvolgente: al bambino di pochi mesi della sorella della sua più cara amica Eleonora è stata diagnosticata “la Malattia di Kawasaki”. Kawacosa?

Immediatamente Martina corre dalla sua amica Eleonora per dare sostegno a lei e alla sua famiglia.

Eleonora si abbandona ad un pianto disperato in preda al terrore di poter perdere il suo nipotino, e racconta a Martina che cos’è la Kawasaki, quali sono le terapie, quali i rischi a cui va incontro il piccolo.

Martina capisce che Eleonora ha bisogno di lei: non la lascerò mai sola durante i lunghi mesi di ricovero del piccolo, infondendo speranza, forza e coraggio e soprattutto ascoltando il suo grido di dolore. Eleonora ha bisogno di una spalla su cui piangere e di credere che il suo nipotino possa guarire.

E così finalmente arriva quel giorno: il piccolo, grazie a una diagnosi precoce, cure tempestive e medici specializzati, guarisce senza riportare alcuna conseguenza.

Questa esperienza rafforza il legame tra le due amiche: dopo aver vissuto un dolore difficile da spiegare, prendono una decisione di comune accordo: è giunto il momento di dedicare parte del loro tempo per diffondere la conoscenza della Malattia di Kawasaki. E mentre cercano informazioni su internet, un sito colpisce la loro attenzione: quello dell’associazione “Rari ma Speciali”, www.malattiadikawasaki.it.

 

Sì, quel sito fa proprio al caso loro. Martina ed Eleonora iniziano così a collaborare con l’associazione. Incontrano tanti volontari e realizzano diversi progetti importanti.

 

Oggi sono trascorsi 10 anni da quella prima collaborazione e ormai “Rari ma Speciali” è come una seconda famiglia per Martina e Eleonora. L’entusiasmo, l’impegno e l’obiettivo prioritario di diffondere la conoscenza della Malattia di Kawasaki è sempre quello del primo giorno. Martina, quella ragazza giovane ed insicura, ormai trentenne, ha così trovato finalmente il suo scopo nella vita.

 

---

Su www.malattiadikawasaki.it  trovate tutti i contatti di “Rari ma speciali”.

---