TimGate
header.weather.state

Oggi 04 luglio 2022 - Aggiornato alle 21:00

 /    /    /  5G
5G: cos'è, come funziona e copertura

- Credit: James Yarema / Unsplash

tecnologia24 marzo 2021

5G: cos'è, come funziona e copertura

di Redazione

Una spiegazione facile, alla portata di tutti

 

Trovare una risposta a questa domanda non è facile, almeno se non si cercano spiegazioni tecniche (e quindi comprensibili a pochi - ma non è questo il nostro intento). Allora, tanto per cominciare, proviamo a fare un esercizio mentale. Immaginate di essere Usain Bolt, l'uomo più veloce che sia mai esistito. Fate cento metri in meno di 10 secondi. Correte a 37,5 chilometri orari, cosa di cui nessun altro umano è mai stato capace prima. C'è di che esserne soddisfatti.
All'improvviso, però, arriva un altro concorrente, uno sconosciuto. E lui va a 370 chilometri orari. I 100 metri li fa in meno di un secondo.
Ecco, voi siete già veloci, certo, ma il nuovo tizio è Superman: va dieci volte più veloce di voi. E vi sorpassa senza che manco possiate vederlo. Bene, nella nostra metafora, voi siete il già veloce 4G, ma lui è il 5G.

 

Il 5G è la quinta generazione di tecnologia per le comunicazioni su rete mobile fissa. La G sta appunto per "generazione". E l'evoluzione rispetto alla generazione precedente è davvero enorme.

 

Una delle caratteristiche del 5G è quindi l'assai maggiore velocità: può persino superare i 10 gigabit al secondo, cioè una velocità dieci volte superiore a quella di picco del 4G, 1 gigabit al secondo.

 

Un'altra caratteristica riguarda la riduzione della latenza, che con il 5G è nell'ordine dei millisecondi.

 

Non stiamo parlando di un semplice miglioramento della connessione: il 5G può dare soluzioni innovative a molti problemi delle persone, e migliorarne la vita quotidiana, il lavoro, l'istruzione, l'intrattenimento.

 

L'altissima velocità e la riduzione della latenza del 5G infatti possono permettere a milioni di oggetti di essere contemporaneamente connessi, anche se si trovano in uno spazio geografico limitato - cosa che oggi non era possibile con le reti delle generazioni venute prima del 5G.

 

Il 5G, infatti è la tecnologia della "Massive Internet of Things" (IoT), la "Grande Internet delle Cose". Le cose, gli oggetti sono sempre collegati, fra loro, in tempo reale. E si scambiano di continuo informazioni, a una velocità incredibile. Tutto questo accade per far vivere meglio le persone.

 

Il 5G porta così la connettività a un livello superiore, abbiamo detto.

 

Facciamo qualche esempio per capire meglio.

 

Con il 5G le città sono più sicure: la videosorveglianza diventa mobile e permette interventi più rapidi per salvare chi è in pericolo.

 

Nel monitoraggio ambientale, i dispositivi sono in grado di rilevare i disastri naturali e avvisare subito la popolazione in caso di emergenza.

 

I sensori delle infrastrutture stradali comunicano in tempo reale informazioni ai veicoli, ed evitano gli incidenti stradali.

 

I mezzi di trasporto dapprima saranno controllati in maniera più sicura da chi è al volante, ma nel tempo potranno essere comandati anche da remoto, o persino guidarsi da soli, grazie alle tecnologie intelligenti collegate fra loro dal 5G.

 

Per non parlare del maggior realismo nella realtà aumentata, nella realtà virtuale, in ogni ambito, dall'intrattenimento domestico (si pensi ai videogiochi), al lavoro a distanza (una videoconferenza sarà un'esperienza completamente immersiva).

 

La telemedicina potrà avvalersi della potenza del 5G per consentire la gestione della sanità annullando le distanze: un paziente potrà essere assistito anche da un medico specialista che si trovi a migliaia di chilometri. Come se paziente e medico si trovassero nella stessa stanza.

 

Il 5G: come funziona

L'evoluzione del 5G non riguarda solo la quantità di banda, che si allarga. Il 5G non è semplicemente una versione progredita del 4G: siamo davvero di fronte a una modalità tecnologicamente rivoluzionaria di gestire la comunicazione.

 

Oggi le persone usano molto di più internet rispetto a quanto facevano in passato: il traffico dei dati cresce circa del 60% ogni anno.

 

Nei decenni scorsi gli utenti si scambiavano contenuti più semplici da trasferire (soprattutto testuali: si pensi alle email o ai messaggi delle chat, o alle foto in bassa risoluzione). Ora, invece, miliardi di persone hanno bisogno di scambiarsi, in continuazione, dati e contenuti più "pesanti". Pensate ai video: videoconferenze con tanti partecipanti, smart working, o anche ai film in Hd. O ad applicazioni ancora più innovative per la città, l'industria, la scuola.

 

Ecco, il 5G introduce una nuova "capacità" da utilizzare: è in grado di trasferire una quantità maggiore di informazioni a tutte le persone che lo usano, e a tutti gli oggetti e dispositivi collegati in rete. E lo sa fare con maggior velocità.

 

Con una rete 5G, è possibile gestire fino a 1 milione di dispositivi collegati a internet per chilometro quadrato. E parliamo di oggetti, non solo di telefoni, computer o tablet. Il 5G è infatti progettato per connettere smartphone ma anche molti altri dispositivi: qualsiasi altro dispositivo che possa connettersi a internet.

 

Una rete 5G ha così tanta potenza di elaborazione incorporata, che diventa più di una rete. Può eseguire compiti di elaborazione migliorando sia le prestazioni dei dispositivi che il risparmio delle loro batterie. E questo, a sua volta, rende possibili nuovi tipi di dispositivi, fino a oggi persino irrealizzabili, progettati per il miglioramento della qualità di vita di tutti.

 

Come sono fatte le antenne 5G

Le antenne 5G sono tecnologie molto sofisticate capaci di trasmettere il segnale a dispositivi di diverso tipo: smartphone ma anche molte altre tecnologie.

Le dimensioni delle antenne 5G sono inferiori rispetto a quelle delle antenne 4G, e ogni antenna 5G è riconoscibile, in quanto munita di una scatola sulla quale è stampato il simbolo "5G".

Le antenne abilitano nuovi servizi e notevoli risparmi di energia. Il tutto, naturalmente, nel più completo rispetto delle leggi vigenti.
 

Il 5G TIM: la copertura

Grazie a TIM, il 5G ha già raggiunto Milano con una copertura oltre il 90%, ed è già disponibile a una velocità fino a 2 gigabit al secondo a Roma, Torino, Firenze, Napoli, Benevento, Ferrara, Bologna, Genova, Sanremo, Brescia e Monza (con il primo autodromo d'Europa connesso in 5G) e in alcune località turistiche come Cortina d'Ampezzo, Livigno e Selva di Val Gardena.

L’intera copertura nazionale 5G è prevista entro il 2025.

 

Su questa pagina del sito tim.it potete scoprire le offerte 5G riservate ai clienti TIM.

 

Gli smartphone 5G

Ma torniamo agli smartphone: vi chiederete quale tipo di telefono occorre oggi per usare la rete 5G. Ebbene, deve trattarsi di uno smartphone compatibile.

 

Già dal 2019 sul mercato italiano sono in commercio modelli di smartphone compatibili con il 5G, per tutti i sistemi operativi, da iOS (iPhone) ad Android.

 

Su questa pagina del sito tim.it, impostando il filtro "Tecnologia" sulla voce "5G", potete trovare un elenco di smartphone compatibili con la rete 5G, per tutte le fasce di prezzo.

 

---