TimGate
header.weather.state

Oggi 09 agosto 2022 - Aggiornato alle 01:00

 /    /    /  Alexa presterà assistenza agli ospiti delle residenze per anziani
Alexa presterà assistenza agli ospiti delle residenze per anziani

- Credit: Amazon

TECNOLOGIA26 ottobre 2021

Alexa presterà assistenza agli ospiti delle residenze per anziani

di Samuele Ghidini

Progetto sperimentale per portare l’assistente vocale anche in ospedali e case di cura

 

Amazon, ampliando il raggio d’azione del suo assistente vocale Alexa, ha annunciato l’avvio di una sperimentazione nelle case di riposo per anziani, permettendo di gestire più dispositivi Alexa contemporaneamente in modo da farli diventare strumento principale per comunicare da remoto. Con “Alexa Smart Properties” è possibile inoltrare messaggi mirati, come avvisare le persone prima che una determinata attività si svolga, o inviando qualora risulti necessario dei promemoria. Funzioni che, per quanto concerne la cura delle persone in età avanzata, si contrappongono alle difficoltà degli umani complicando e non poco le interazioni.

 

- LEGGI ANCHE - Amazon e le nuove funzioni di Alexa per prendersi cura degli anziani

- E ANCHE - Amazon, l’app Alexa cambia look e diventa “personalizzata”

 

Tuttavia, dall’altro lato della medaglia, i test in oggetto sono degni d’attenzione rappresentando una modalità per capire quale peso possa avere la transizione al digitale in luoghi come ospedali, case di cura e simili, per loro natura “delicati”.

 

Ovviamente, tra case di riposo, nosocomi e residenze per anziani, i bisogni sono diversi come lo sono i modi nei quali Alexa risponderà agli stessi, spesso diversi tra loro. Ambienti nei quali dispositivi come gli Amazon Echo si trasformerebbero in un semplice strumento di assistenza, da cui attingere per avere le competenze necessarie nei vari ambiti.

 

In questo modo i device in questione assumerebbero un ruolo differente da quello a cui siamo abituati, diventando invece strumenti facili da usare (visto che i comandi sono vocali) nei quali i sensi da utilizzare diventerebbero udito, vista e parola.

 

I pazienti (o ospiti) possono ovviamente spegnere il dispositivo utilizzato ogni volta che lo desiderano, anche per isolarsi nella propria stanza senza venir disturbati dagli avvisi di Alexa. Al momento, la fase sperimentale sta interessando case di cura negli Stati Uniti, e servirà a comprendere quali funzionalità potrebbero risultare utili nei contesti citati, e quali no.