Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti, per migliorare l’esperienza di navigazione e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca qui. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

  • News
    • Tutto
    • Italia
    • Esteri
    • Gossip e Celebrità
    • Tecnologia
  • Intrattenimento
    • Tutto
    • Cinema
    • Musica
    • TV
    • Videogames
  • Donna
    • Tutto
    • Moda
    • Mamme e Bambini
    • Salute
  • Sport
    • Tutto
    • Calcio
    • Classifica Serie A TIM
    • Classifica Marcatori Serie A TIM
    • Risultati Serie A TIM
    • Altri Sport
  • Lifestyle
    • Tutto
    • Costume e Società
    • Ricette
    • Arredamento
    • Green
  • Tempo Libero
    • Tutto
    • Viaggi
    • Libri
    • Hobby
    • Come fare
    • Motori
  • Video
    • Tutto
    • Divertenti
    • Sport
    • Top Video
  • Servizi
    • Tutto
    • Oroscopo
    • Meteo
  • Codici Sconto
  • Personalizza il tuo TIMgate>> Personalizza il tuo TIMgate >>
menu
Oggi 14 luglio 2020 - Aggiornato alle 00:00
Live
  • 23:27 | Dal 15 luglio niente mascherina all'aperto in Lombardia
  • 23:01 | Prorogata a Forlì la mostra sul mito di Ulisse
  • 20:14 | Gasperini: 'Servono tre punti e siamo aritmeticamente in Europa'
  • 18:19 | Il cane e il guinzaglio
  • 17:59 | Roma, Zaniolo: 'Gol mi da' fiducia e morale'
  • 17:30 | Buon compleanno Harrison Ford
  • 17:22 | Come comprare il biglietto sui treni regionali Trenitalia con il credito TIM
  • 17:15 | La playlist di TIMMUSIC dedicata al Live Aid 1985
  • 17:01 | Pasta alla pecoraia
  • 16:57 | Ricette frullati detox con bimby
  • 16:30 | Le 50 canzoni più ascoltate della settimana su TIMMUSIC
  • 16:23 | Mandzukic-Fiorentina, Ribery può essere la carta vincente
  • 16:06 | Elodie, le prime date del tour estivo (e tutti i suoi ospiti)
  • 15:39 | Matteo Berrettini ha trionfato all’Ultimate Tennis Showdown
  • 15:21 | Biagio Antonacci e la cover di "Centro di gravità permanente"
  • 15:00 | La moglie di Will Smith ha tradito il marito
  • 14:59 | Presto un documentario sull’omicidio che ispirò “Twin Peaks”
  • 14:44 | Istanbul, Santa Sofia diventa una moschea: le cose da sapere
  • 14:00 | Coronavirus: il punto sulla pandemia
  • 14:00 | La classifica delle migliori università italiane
Amazon punta sulla guida autonoma: comprata la startup Zoox Un robo-taxi di Zoox (2019) - Credit: iStock
TECNOLOGIA 29 giugno 2020

Amazon punta sulla guida autonoma: comprata la startup Zoox

di Federico Bandirali

Aquisizone record da 1,2 miliardi di dollari: Bezos guarda oltre l'e-commerce

Amazon, oltre a lanciare un'offensiva per contrastare il cambiamento climatico istutendo un fondo da due miliardi (che si aggiunge a quello da 10 miliardi creato personalmente dal suo proprietario Jeff Bezos per “salvare il mondo” dal medesimo problema) e cercare di eliminare dalla piattaforma di e-commerce i prodotti contraffatti creando un’apposita task force, prova ad ampliare il proprio business entrando in nuovi mercati.

Venerdì 26 giugno, infatti, è emerso come il colosso di Seattle abbia finalizzato le trattative acquisendo la startup statunitense Zoox, attiva nella realizzazione di auto a guida autonoma dal 2014 con una propria flotta di taxi-robot autoprodotti. Costo dell’acquisizione? Secondo le indiscrezioni oltre 1,2 miliardi di dollari.

 

L’accordo permetterà ad Amazon di avere il controllo della startup, che dà lavoro a quasi mille persone e ha già realizzato un veicolo a guida autonoma. Le voci su una possibile acquisizione erano emerse per la prima volta a maggio.

 

Secondo quanto trapelato ai tempi, era già noto che per comprare le quote necessarie a “controllare” Zoox come socio di maggioranza il colosso dell’e-commerce avrebbe sborsato meno dei 3,2 miliardi, ovvero la valutazione della società datata luglio 2018.

 

Dapprima The Information e il Financial Times, sempre “sul pezzo”, avevano parlato della trattativa come semplice indiscrezione, poi confermata ufficialmente dalle stesse Amzon e Zoox a trattative concluse.

 

Il CEO dell’area consumer globale del colosso di Seattle, Jeff Wilke, ha dichiarato che Zoox sta lavorando per “immaginare, inventare e progettare un’esperienza di guida autonoma” di indubbia qualità e tra i migliori in circolazione.

 

Aggiungendo come Zoox, al pari di Amazon, sia ‘appassionata’ “di innovazione e riserva grande attenzione ai propri clienti: siamo entusiasti di aiutare il suo talentuoso team a trasformare la propria ‘vision’ in realtà nei prossimi anni".

 

Il gigante dell’e-commerce, invero, non ha confermato l’importo dell’acquisizione né mai lo farà al pari di Zoox, ma secondo diverse fonti interne alla società la cifra sul tavolo è quella indicata dal Financial Times (1,2 miliardi di dollari).

 

Importo che rappresenta il più importante investimento della creatura di Jeff Bezos nella tecnologia per la guida autonoma, oltre ad essere una tra le operazioni più onerose di sempre nella storia di Amazon.

 

Inizialmente si ipotizzava che Amazon potesse utilizzare la tecnologia per consegne autonome, sulla scia dei progetti per il recapito di pacchi attraverso droni e robot già in fase di sviluppo,

 

Ma il Financial Times ha interpellato diverse fonti interne alla società arrivando alla conclusione che la società di Jeff Bezos era intenzionata a comprare Zoox per creare una flotta di veicoli a guida autonome per il trasporto di persone (una sorta di servizio Taxi) scoprendo anche il nome: Alphabet's Waymo .

 

La piattaforma di e-commerce più popolare al mondo non cambierà i vertici di Zooxm che continuerà ad essere guidata dall’attuale CEO, Aicha Evans, e dal CTO Jesse Levinson.

 

L’idea, infatti, è lasciare che sia una “controllata” indipendente, nella quale Amazon dovrà però obbligatoriamente investire svariati miliardi per produrre e immettere sul mercato i veicoli creati dalla startup.

 

Per la società di Seattle non si tratta del primo investimento nel settore automotive dopo quelli in Rivan - startup che realizza veicoli elettrici - e - nel 2019  - la partecipazione ad un round per finanziare Aurora Innovation, altra “giovane” società atttiva nel settore del self-driving.

Un mercarto nel quale, evidentemente, il lungimirante Jeff Bezos vuole entrare “di prepotenza” ingolosito dai futuri introiti che, a suo avvviso, dovrebbe garantirgli.

 

Come dire: essere l’uomo più ricco del mondo e restarlo a lungo implica il puntare sempre più in alto senza crogiolarsi troppo sugli allori e curarsi di polemiche o altro. In attesa della candidatura tra le file dei democratici per le presidenziali Usa attesa o nel 2024 o, al più tardi, nel 2028.

 

Ambizione solo all’apparenza smisurata per Bezos. Che, divorzio miliardario a parte (costato quasi metà del suo patrimonio personale), difficilmente non raggiunge i propri ambiziosissimi obiettivi. Perché non si diventa la persona più ricca al mondo per puro caso e colpi di fortuna in serie...

Leggi tutto su News