TimGate
header.weather.state

Oggi 14 agosto 2022 - Aggiornato alle 05:00

 /    /    /  Amazon supporterà i nuovi fornitori del servizio di consegna
Amazon supporterà i nuovi fornitori del servizio di consegna

- Credit: Bryan Angelo / Unsplash

E-COMMERCE23 ottobre 2020

Amazon supporterà i nuovi fornitori del servizio di consegna

di Redazione

Con un programma specifico per aiutare (anche economicamente) la nascita di nuove attività nel settore

 

Amazon, dopo aver rilanciato sull’ambiente decidendo di vietare la vendita di prodotti in plastica monouso a partire da metà dicembre come parte degli sforzi della società di Seattle per contrastare il cambiamento climatico, si prepara a modificare anche le soluzioni relative alla logistica. Gli obiettivi delle nuove mosse del colosso dell’e-commerce sono due: offrire un servizio qualitativamente migliore e, al contempo, sostenere le realtà imprenditoriali locali di piccole e medie dimensioni.

 

- LEGGI ANCHE - Bezos: 10 miliardi "per salvare il mondo" dal cambiamento climatico

- E ANCHE - Amazon: un fondo da 2 miliardi per azzerare le emissioni di carbonio

 

In questo senso, la società ha recentemente annunciato il lancio di un nuovo programma rivolto esclusivamente alle società che, in qualità di partner, si occupano di fornire i servizi di consegna in Italia. Il tutto si traduce in nuove forme di supporto, economico e non, per chiunque intenda avviare una nuova attività nel Belpaese.

 

I partecipanti al programma potranno utilizzare veicoli elettrici per consegnare i prodotti azzerando le emissioni, uno dei primi obiettivi di Amazon rispetto al clima. Inoltre, la società sovvenzionerà i propri dipendenti che, da tali, vorranno diventare imprenditori nel settore con una sovvenzione di 15mila euro per avviare l’attività e, in aggiunta, un assegno pari allo stipendio lordo mensile moltiplicato per tre.

 

Queste soluzioni si accompagnano ad iniziative specifiche in tema formazione sul campo (“training on the job”) per i nuovi operatori, e ad agevolazioni per l’accesso a una vasta gamma di soluzioni e servizi.

 

Ovvero noleggio dei mezzi per il trasporto delle merci, copertura assicurativa, tecnologie e materiali per le consegne, divise per gli autisti, software per la gestione amministrativa e sostegno nella costituzione di una nuova società con aiuto per tutte le pratiche burocratiche, oltre ad altre iniziative volte a facilitare l’ingresso nel mondo dell’imprenditoria.

 

Un business non indifferente, visto che stando alle stime della società di Seattle un operatore del settore che abbia tra i 20 e i 40 mezzi per le consegne, può arrivare a guadagnare dai 60 ai 120 mila euro all’anno.